Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Lavora con noi Assegni di ricerca Assegno di ricerca nell'ambito del progetto EDS

Assegno di ricerca nell'ambito del progetto EDS

OA Roma
Tipologia Assegni di ricerca
Data di pubblicazione 23/02/2012
Scadenza termini partecipazione 15/03/2012

Selezione per il conferimento di un assegno di ricerca dal titolo “Survey di galassie in preparazione della Euclid Deep Survey”


Bando assegno

Una autopsia stellare

29/01/2015

CasA_compIn un articolo pubblicato su Science, due ricercatori presentano nuovi dati su Cassiopeia A e un modello 3D degli strati espulsi più interni. Le osservazioni indicano la presenza di una struttura a forma di "bolle" che si connette in maniera continua con le varie strutture a forma di "anello" osservate nell’inviluppo principale. Questi risultati potranno essere utilizzati per descrivere altre esplosioni stellari, e di conseguenza anche i resti di supernovae, che non possono essere osservati direttamente con i telescopi.

Einstein e il qubit: un test elegante

29/01/2015

Poiché la Terra ruota con un periodo di 24 ore, l’orientamento degli ioni del computer/detector quantistico, rispetto al sistema di riferimento inerziale del Sole, cambia di conseguenza. Ora, se lo spazio fosse stato più “schiacciato” in una direzione che in un’altra, i livelli energetici degli elettroni degli ioni avrebbero dovuto mostrare una variazione con un periodo di 12 ore. Crediti: Hartmut Haeffner, UC BerkeleyUtilizzando una coppia di ioni di calcio in stato di entanglement, un team di fisici di UC Berkeley è riuscito a riprodurre un analogo quantistico dell’esperimento di Michelson e Morley. Il risultato conferma, con una precisione senza precedenti, le basi della relatività ristretta

Indagando la storia dei Pianeti Vulcano

29/01/2015

exoplanet-9bI pianeti più interni di taglia terrestre in sistemi extrasolari potrebbero essersi formati nello stesso luogo dove si trovano oggi, piuttosto che essere migrati da zone più esterne. Questa l'ipotesi proposta da due ricercatori della Northwestern University e della Università della Florida nel loro lavoro in pubblicazione sulla rivista The Astrophysical Journal. Il commento di Aldo Bonomo (INAF)