Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Lavora con noi Concorsi e selezioni Posizioni a tempo indeterminato Tecnologi Concorso pubblico nazionale, per titoli ed esami, ai fini del reclutamente di quattro "Primi Tecnologi", Secondo Livello Professionale, con contratto di lavoro a tempo indeterminato a regime di tempo pieno.

Concorso pubblico nazionale, per titoli ed esami, ai fini del reclutamente di quattro "Primi Tecnologi", Secondo Livello Professionale, con contratto di lavoro a tempo indeterminato a regime di tempo pieno.

Concorso pubblico nazionale, per titoli ed esami, ai fini del reclutamente, per le esigenze dello "Istituto Nazionale di Astrofisica", di numero quattro "Primi Tecnologi", Secondo Livello Professionale, con contratto di lavoro a tempo indeterminato a regime di impegno a tempo pieno, in attuazione di quanto previsto dalle Delibere del Consiglio di Amministrazione del 21 dicembre 2017, numero 115, e del 30 luglio 2018, numero 65.
Tipologia Tecnologi tempo indeterminato
Data di pubblicazione 01/03/2019

bando di concorso

Con l’aerogel si può

16/07/2019

Uno strato di aerogel di silice per riscaldare la superficie di Marte e renderla abitabile riproducendo l'effetto serra terrestre. È l'idea venuta a un team internazionale di ricercatori che, tramite modelli e simulazioni al computer, ne hanno dimostrato la fattibilità. Il lavoro è pubblicato su Nature Astronomy

Intergalacticshow: un podcast “musicospaziale”

16/07/2019

Si chiama Intergalacticshow ed è il nuovo programma radiofonico su web che coniuga musica, spazio e divulgazione. Tanta musica a tema e chiaccherate con esperti del settore. Media Inaf ha intervistato Matteo Tripodina, l'ideatore del programma

Così da Arcetri captarono lo sbarco sulla Luna

16/07/2019

La storica notte del 20 luglio 1969 una squadra di ricercatori dell’Osservatorio astronomico fiorentino seguì in diretta le fasi dell’avvicinamento e dell’allunaggio, captando e decodificando i messaggi inviati direttamente dalla Luna. I nastri della registrazione originale sono però andati smarriti in un trasloco