Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Approvato il nuovo Statuto dell'INAF

Approvato il nuovo Statuto dell'INAF

Il Presidente, con suo decreto n. 57/2015 del 31 luglio, ha emanato il nuovo Statuto dell’INAF che recepisce le modifiche e le integrazioni approvate dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 25 marzo u.s.

Il Presidente, con suo decreto n. 57/2015 del 31 luglio, ha emanato il nuovo Statuto dell’INAF che recepisce le modifiche e le integrazioni approvate dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 25 marzo u.s.

La versione aggiornata dello Statuto, entrata in vigore il 1° agosto u.s., è consultabile nella sezione “Intranet” del sito web istituzionale dell’INAF al seguente link: http://www.inaf.it/it/sedi/sede-centrale-nuova/presidenza/lo-statuto-dellinaf

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca è stato debitamente informato dell’avvenuta messa on line del documento  ai fini della pubblicazione, sul sito web http://hubmiur.pubblica.istruzione.it/web/ricerca/enti-ricerca, dell’avviso-informazione.

E se le Nubi di Magellano fossero state un trio?

24/09/2018

Una nuova ipotesi, nata dall'osservazione del movimento delle stelle nella Grande Nube di Magellano, fa pensare che in origine la famosa coppia di galassie - visibili a occhio nudo nell'emisfero australe - fosse un terzetto, ma due di loro si sarebbero successivamente fuse tra tre e cinque miliardi di anni fa

Su quell’asteroide qualcosa si muove

23/09/2018

Impresa storica per la missione giapponese Hayabusa-2: i due moduli Rover-1A e Rover-1B sono approdati su Ryugu e funzionano correttamente, saltellando come grilli sull’asteroide e inviando a Terra le immagini. «È la prima volta che l’uomo manda sulla superficie di un piccolo corpo planetario un robot mobile», commenta entusiasta Ernesto Palomba dell’Inaf di Roma

I saltellanti Minerva arrivano su Ryugu

21/09/2018

I tre mini-rover, poco più di un kg ciascuno, hanno il compito di generare immagini stereo della superficie di Ryugu. Non hanno le ruote, quindi per muoversi sull'asteroide dovranno saltellare