Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Avviso esplorativo dell'Osservatorio di Trieste

Avviso esplorativo dell'Osservatorio di Trieste

Le manifestazioni di interesse entro il 30 novembre 2017

Si rende noto che l’Osservatorio Astronomico di Trieste ha avviato un’indagine di mercato volta all’individuazione di operatori economici da invitare ad una procedura negoziata tramite RDO sul Mepa per l’affidamento di un servizio di pulizie delle Sedi (CIG 72744298B5 - Base d’asta € 120.000,00, Iva esclusa, di cui 4.000,00 € per oneri di sicurezza non soggetti a ribasso) della durata di due anni, salva l’attivazione della convenzione Consip sul Facility Management.
Tale indagine dovrebbe consentire alla Stazione Appaltante di delineare un quadro del mercato di riferimento e non può comportare per gli operatori economici alcun affidamento sul successivo invito alla procedura.

Le Sedi interessate dal servizio sono:

  • Sede principale Castello Basevi, Via Tiepolo, 11 - 34143 Trieste;
  • Sede di Villa Bazzoni-Via Bazzoni, 2 - 34124 Trieste;
  • Stazione osservativa di Basovizza – Località Basovizza, 302 - 34149 Trieste.

Maggiori informazioni a questa pagina del sito web dell’Osservatorio di Trieste, dove è anche disponibile tutta la documentazione necessaria all’inoltro delle manifestazioni di interesse.

archiviato sotto: ,

Su Marte scorre sabbia

21/11/2017

Uno studio su Nature Geoscience mostra come le venature stagionali rilevate su alcuni pendii della superficie marziana, precedentemente descritte come un possibile segno della presenza di acqua corrente, vengano ora più verosimilmente attribuite allo scorrere di sabbia asciutta. I risultati evidenziano come queste regioni siano troppo secche per il prosperarsi della vita microbica

Vita a zonzo sulla polvere di stelle

21/11/2017

In viaggio tra un pianeta e l’altro a bordo di polvere spaziale: così potrebbe diffondersi la vita, suggerisce uno studio dell’Università di Edimburgo. E microrganismi terrestri potenzialmente in grado di sopravvivere a lunghi viaggi verso nuovi mondi non ne mancano: per esempio, i tardigradi

Con il grafene, nello spazio a vele spiegate

21/11/2017

Dispiegare impalpabili vele solari o raffreddare circuiti di satelliti sono due tra le possibili applicazioni del grafene alle attività aerospaziali, che sono state messe ora alla prova in condizioni di assenza di peso: un passo in più verso la loro realizzazione pratica