Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Amministrazione trasparente Organizzazione Telefono e posta elettronica Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata

Elenco della Posta Certificata dell’INAF

 

inafsedecentrale@pcert.postecert.it Sede Centrale
inafoasbo@postecert.it Osservatorio Astrofisica e Scienza Bologna
inafoacagliari@pcert.postecert.it Osservatorio astronomico di Cagliari
inafoacatania@pcert.postecert.it Osservatorio astrofisico di Catania
inafoaarcetri@pcert.postecert.it Osservatorio astrofisico di Arcetri
inafoamilano@pcert.postecert.it Osservatorio astronomico di Brera
inafoamerate@pcert.postecert.it
inafoanapoli@pcert.postecert.it Osservatorio astronomico di Capodimonte
inafoapadova@pcert.postecert.it Osservatorio astronomico di Padova
inafoapalermo@pcert.postecert.it Osservatorio astronomico di Palermo
inafoaroma@pcert.postecert.it Osservatorio astronomico di Roma
inafoateramo@pcert.postecert.it Osservatorio astronomico di Teramo
inafoatorino@pcert.postecert.it Osservatorio astrofisico di Torino
inafoatrieste@pcert.postecert.it Osservatorio astronomico di Trieste
inafiasfmi@pcert.postecert.it IASF Milano
inafiasfpa@pcert.postecert.it IASF Palermo
inafiaps@pcert.postecert.it IAPS Roma
inafirabo@pcert.postecert.it Istituto di Radioastronomia
inafiranoto@pcert.postecert.it

 

Un elenco delle PEC istituzionali è disponibile anche sul sito dell'Indice delle Pubbliche Amministrazioni.

Pegasus V, un fossile nell’universo

01/07/2022

A convalidarne la presenza sono state le osservazioni condotte con il telescopio Gemini North da 8,1 metri delle Hawaii, ma la scoperta si deve all’astrofilo Giuseppe Donatiello. Si chiama Pegasus V. È una galassia nana ultra-debole e stando ai risultati delle osservazioni di follow-up è una delle galassie più antiche conosciute nel nostro vicinato cosmico

L’origine di tutti i minerali della Terra

01/07/2022

Uno studio durato 15 anni descrive in dettaglio le origini e la diversità di ogni minerale conosciuto sulla Terra e si concretizza in due articoli che aiuteranno a ricostruire la storia della vita sulla Terra, guideranno la ricerca di nuovi minerali e giacimenti, prediranno le possibili caratteristiche della vita futura e aiuteranno la ricerca di pianeti abitabili e vita extraterrestre. Tutti i dettagli su American Mineralogist

Le ultime mappe del Mars Orbiter

01/07/2022

A fine giugno sono state rilasciate dalla Nasa le prime porzioni di una nuova mappa di Marte da 5,6 gigapixel ottenuta grazie allo spettrometro Crism del Mars Reconnaissance Orbiter. La mappa, che sarà rilasciata in blocchi nell'arco dei prossimi sei mesi, copre la stragrande maggioranza del pianeta, rivelando dozzine di minerali trovati sulla sua superficie