Strumenti personali
Fatti riconoscere
Tu sei qui: Home Intranet

Intranet

Servizi in rete per il personale INAF
Ecco alcuni fra i servizi disponibili in rete di utilizzo più frequente per le persone che lavorano e studiano all'INAF:
Documenti istituzionali Un elenco dei principali documenti istituzionali dell'INAF per orientarsi più facilmente nel sito: normative, regolamenti, decreti, delibere, verbali, modulistica e altro ancora
Centro Elaborazione Dati

Il sito del CED, il Centro Elaborazione Dati di contabilità INAF.

E-Mail: ced-staff@ced.inaf.it

Tel: 051.639.9406 - Fax: 051.639.9439

OA@INAF, il repository istituzionale ad accesso aperto
Anagrafica dipendenti ASTRO-DIP, il database anagrafico dei dipendenti, collaboratori e associati dell'INAF
Cedolini Servizio riservato ai dipendenti (è richiesto l'accesso), ospitato dal CINECA, per visualizzare via web i cedolini stipendiali prodotti mensilmente

Spade laser in infrarosso sotto l’occhio di Hubble

17/09/2021

Osservazioni nell’infrarosso dei potenti getti bipolari di materia emessi da stelle giovani, condotte con lo Hubble Space Telescope, hanno permesso di ottenere preziose informazioni sulle zone più interne nelle quali essi si formano, suggerendo la presenza di compagni di piccola massa molto vicini alla stella capaci di perturbarne la traiettoria

Super vulcani nell‘Arabia Terra marziana

17/09/2021

Utilizzando i datti ottenuti dal Mars Reconnaissance Orbiter della Nasa, un team di ricercatori guidati dal Goddard Space Flight Center ha identificato firme mineralogiche di cenere vulcanica nella regione Arabia Terra, nell’emisfero nord di Marte. Secondo gli scienziati, si tratterebbe di materiale espulso dall’eruzione di antichi super vulcani. Lo studio è su Geophysical Research Letters

Sn 1181, mistero risolto dopo otto secoli e mezzo

17/09/2021

Recenti analisi condotte da un team internazionale di astrofisici potrebbero aver risolto il mistero che circonda l’origine e l’evoluzione di una supernova avvistata in Cina nel 1181 e di cui si erano perse le tracce per quasi un millennio. I risultati sono stati pubblicati ieri su The Astrophysical Journal Letters