Strumenti personali
Fatti riconoscere
Tu sei qui: Home Intranet Relazioni Sindacali

Relazioni Sindacali

La presente sezione contiene tutta la documentazione relativa alle relazioni tra l’Amministrazione e le Organizzazioni Sindacali. L’intento è quello di fornire al personale dell’Istituto un utile strumento di informazione ed approfondimento, di immediata fruibilità, di agevole consultazione ed in continuo aggiornamento, in merito alle trattative in itinere con le OO.SS. maggiormente rappresentative.

 

ANNO 2016


Data documentoOggettoFirmatarioDestinatariNote

 

5 febbraio

 

Richiesta disponibilità

 

Direttore Generale

 

FLC CGIL, CISL FIR, UIL PA UR, ANPRI, USI Ricerca, USB PI

 

6 febbraio Disponibilità incontro

Americo Maresci UIL-RUA

Presidente INAF

DG INAF

15 febbraio Comunicato UIL RUA Americo Maresci UIL-RUA Personale INAF
17 febbraio Convocazione OOSS Presidente FLC CGIL, CISL FIR, UIL PA UR, ANPRI, USI Ricerca, USB PI

Ultimo aggiornamento: 17 febbraio 2016

La strana coppia da record

26/10/2020

Un gruppo di ricerca internazionale guidato dal Max Planck Institute for Gravitational Physics ha identificato una misteriosa sorgente di raggi gamma. Si tratta di un sistema binario da record: una pesante stella di neutroni con una compagna di massa molto bassa a solo 1.3 volte la distanza Terra-Luna, che le orbita attorno in 75 minuti, a una velocità di oltre 700 chilometri al secondo. Tutti i dettagli su ApJ Letters

L’ingrediente segreto dei potenti getti dei quasar

26/10/2020

Perché alcuni buchi neri supermassicci emettono getti di materia di grande potenza e altri no? Una possibile risposta arriva da uno studio condotto su oltre 700 quasar con Chandra, Xmm-Newton, Rosat, il Very Large Array e la Sloan Digital Sky Survey

Osiris-Rex, il raccolto è andato bene. Forse troppo

24/10/2020

Le prime immagini inviate a Terra mostrano una perdita di materiale dalla testa raccogli-campioni, che non si è chiusa in modo corretto. Segno che sicuramente polvere e rocce sono state raccolte, pare ben più dei 60 grammi indicati come obiettivo minimo. Ma una parte è già fuoriuscita, e la Nasa sta correndo ai ripari per mettere in salvo al più presto quel che resta del prezioso carico