Strumenti personali
Fatti riconoscere
Tu sei qui: Home Intranet Relazioni Sindacali

Relazioni Sindacali

La presente sezione contiene tutta la documentazione relativa alle relazioni tra l’Amministrazione e le Organizzazioni Sindacali. L’intento è quello di fornire al personale dell’Istituto un utile strumento di informazione ed approfondimento, di immediata fruibilità, di agevole consultazione ed in continuo aggiornamento, in merito alle trattative in itinere con le OO.SS. maggiormente rappresentative.

 

ANNO 2016


Data documentoOggettoFirmatarioDestinatariNote

 

5 febbraio

 

Richiesta disponibilità

 

Direttore Generale

 

FLC CGIL, CISL FIR, UIL PA UR, ANPRI, USI Ricerca, USB PI

 

6 febbraio Disponibilità incontro

Americo Maresci UIL-RUA

Presidente INAF

DG INAF

15 febbraio Comunicato UIL RUA Americo Maresci UIL-RUA Personale INAF
17 febbraio Convocazione OOSS Presidente FLC CGIL, CISL FIR, UIL PA UR, ANPRI, USI Ricerca, USB PI

Ultimo aggiornamento: 17 febbraio 2016

Wasp-107b, come una nuvola di zucchero filato

18/01/2021

Utilizzando i dati dell’Osservatorio Keck, un team internazionale di astronomi ha scoperto che la massa del nucleo dell'esopianeta gigante Wasp-107b è molto inferiore a quanto si riteneva necessario per giustificare l'immenso inviluppo di gas che circonda i pianeti giganti. L’esopianeta è grande come Giove ma ha una massa dieci volte minore, con un nucleo solido di non più di quattro volte la massa della Terra. Tutti i dettagli su Astronomical Journal

Pennellate magnetiche nella galassia Whirlpool

18/01/2021

Lo strumento Sofia della Nasa, montato su un Boeing 747, ha studiato l’intenso campo magnetico che domina la galassia a spirale M51A. I risultati sono stati presentati in questi giorni al convegno online dell’Aas. La polarimetria in infrarosso ha permesso di capire come le linee di campo magnetico siano molto caotiche e disordinate alla periferia della galassia, al contrario di quanto accade al centro

Galassie fantastiche e dove trovarle

18/01/2021

Un nuovo studio basato su osservazioni effettuate con il radiotelescopio MeerKat ha rivelato ben due radiogalassie giganti, tra gli oggetti singoli più grandi dell’intero universo, in una porzione relativamente piccola del cielo. La scoperta suggerisce che queste galassie siano più comuni del previsto, e apre nuove prospettive per lo studio della formazione ed evoluzione delle galassie nel corso della storia del cosmo