Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Amministrazione trasparente Performance Ammontare complessivo dei premi Ammontare complessivo dei premi

Ammontare complessivo dei premi

L’Istituto Nazionale di Astrofisica è in attesa delle prescritte certificazioni da parte dei Ministeri vigilanti dell’accordo integrativo per l’utilizzazione del Fondo per il trattamento accessorio del personale non dirigenziale dei livelli IV- VIII per gli anni 2011-2014.

Pertanto, tenuto conto che l’iter di approvazione del suddetto accordo non si è ancora concluso, l’indennità di produttività individuale relativa ai suddetti anni non è stata erogata.

 

Indennità di produttività individuale per l’anno 2010 (Personale di livello IV – VIII)

Il pianeta più caldo conosciuto

14/06/2019

La combinazione di osservazioni fatte con lo spettrografo Carmenes al telescopio di 3.5 metri dell'Osservatorio di Calar Alto e lo spettrografo Harps-N al Telescopio nazionale Galileo ha permesso di rivelare nuovi dettagli su un pianeta extrasolare ultra caldo. La sua temperatura superficiale supera i 2000 gradi e rappresenta il pianeta più caldo conosciuto

Vesta ha una cicatrice primordiale

14/06/2019

Un gruppo internazionale di ricerca a guida giapponese ha scoperto che la storia evolutiva dell'asteroide Vesta è stata profondamente influenzata da una massiccia collisione. Nello studio, pubblicato su Nature Geoscience, il team individua l'epoca esatta in cui l'impatto - che aiuta a spiegare la forma irregolare dell'asteroide - è avvenuto: 4525 milioni di anni fa, non molto dopo la formazione della crosta

Incidente galattico per la Via Lattea

14/06/2019

Un gruppo di scienziati sostiene che la collisione della galassia nana Antlia 2 con la Via Lattea sia responsabile delle increspature che la nostra galassia presenta nella parte esterna del suo disco. Le prove sono nella seconda release dei dati di Gaia e i ricercatori coinvolti nella scoperta avevano previsto l’esistenza della galassia coinvolta nello scontro dieci anni fa