Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Amministrazione trasparente Performance Piano della Performance Piano della Performance

Piano della Performance

Piano della Performance 2019-2021

 

Piani della Performance anni precedenti

Piano della Performance 2018-2020

Piano della Performance 2017-2019

Piano Integrato 2016-2018 (comprendente il Piano Triennale della Performance 2016-2018, il Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione 2016-2018 e il Programma Triennale della Trasparenza e dell’Integrità 2016-2018)

Piano della Performance 2015-2017

Piano della Performance 2014-2016

Piano della Performance 2013-2015

Piano della Performance 2012-2014

Piano della Performance 2011-2013

Acqua di Marte: quasi neutra e oligominerale

22/01/2020

Utilizzando i dati mineralogici e chimici di sedimenti argillosi ottenuti dal rover della Nasa Curiosity, un team di ricercatori del Tokyo Institute of Tecnology ha ricostruito la composizione chimica dell’acqua che una volta era presente sulla sua superficie. I dettagli della ricerca sono riportati su Nature Communications

È in Australia il più antico cratere da impatto

22/01/2020

Una nuova ricerca firmata Nasa è riuscita a datare il cratere Yarrabubba in Australia: 2 miliardi e 229 milioni di anni, dunque più antico del Vredefort Dome sudafricano, fino a oggi detentore del primato. L’impatto potrebbe anche essere legato alla fine dell’era glaciale del paleo-proterozoico

Evoluzione di un brillamento a microonde

22/01/2020

Il radiotelescopio Eovsa del NJit ha catturato l’evoluzione di un potente brillamento solare, permettendo di mappare, per la prima volta, il campo magnetico nella corona solare e monitorare come tale campo sia cambiato durante il brillamento stesso. Gli scienziati hanno riscontrato un forte calo della sua intensità per circa 2 minuti, corrispondente a un rilascio di energia magnetica sufficiente per alimentare l'intero brillamento solare. Determinare l'origine di questa energia aiuterà a prevedere quanto potrebbero essere forti i futuri brillamenti solari e il loro potenziale impatto sulla meteorologia spaziale in prossimità della Terra. Tutti i dettagli su Science