Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home EST Science Meeting

EST Science Meeting

Dall'11 al 15 giugno prossimo si svolgerà a Giardini Naxos (Me) il congresso internazionale EST Science Meeting, organizzato nell’ambito della collaborazione europea dedicata alla progettazione dell’European Solar Telescope (EST) e nello specifico del progetto H2020 PRE-EST

Nei giorni 11 – 15 Giugno 2018 si svolgerà a Giardini Naxos (Me), presso l’AtaHotel Naxos Beach Resort, il congresso internazionale EST Science Meeting (http://www.oact.inaf.it/est).

Il Meeting è organizzato nell’ambito della collaborazione europea dedicata alla progettazione dell’European Solar Telescope (EST) e nello specifico del progetto H2020 PRE-EST.

Il progetto European Solar Telescope prevede la realizzazione del più grande telescopio europeo dedicato allo studio del Sole: EST avrà infatti uno specchio primario di 4 metri e sarà caratterizzato da un disegno ottico e strumenti ottimizzati per misure spettro-polarimetriche multibanda dal vicino ultravioletto al vicino infrarosso, ideali per analizzare i campi magnetici presenti sulla superficie solare.

L’European Solar Telescope avrà una configurazione Gregoriana in asse, con un sistema di ottica adattiva multi-coniugata (MCAO) integrato nel percorso ottico e vari strumenti di piano focale: un Broad Band Imager, uno Spettropolarimetro a banda stretta con filtri sintonizzabili e uno Spettropolarimetro a reticolo. Il telescopio, che permetterà di osservare il Sole con un dettaglio mai raggiunto fino ad oggi, verrà costruito nelle Isole Canarie (Spagna) e vedrà la prima luce nel 2027.

EST è indicato al livello di più alta priorità tra i progetti di media dimensione da terra nella Roadmap ASTRONET per la ricerca astronomica in Europa nei prossimi 10-20 anni ed è promosso da EAST (European Association for Solar Telescopes), un consorzio al quale afferiscono istituti di 17 nazioni europee. Il progetto è stato inserito nel 2016 nella road-map di ESFRI, il Forum Strategico Europeo per le Infrastrutture di Ricerca di importanza strategica.

EST permetterà di rispondere ad alcune domande fondamentali della fisica solare e stellare:

  • Quali sono i meccanismi alla base della attività ciclica del Sole e delle stelle?
  • Con quali modalità il campo magnetico emerge ed evolve nell'atmosfera di una stella?
  • Perchè il Sole ha una cromosfera ed una corona con temperature superiori agli strati sottostanti?
  • Quali meccanismi provocano gli eventi esplosivi (flare, eruzioni di filamenti, espulsioni di massa coronale) che determinano le condizioni fisiche dello spazio circumterrestre, con potenziale impatto sulla Terra?

Nell’ambito del progetto H2020 PRE-EST, è stato recentemente costituito lo Science Advisory Group (SAG) di EST, che ha il compito di rivedere gli “Science Requirements” formulati nel 2010 per individuare le specifiche tecniche del telescopio, ed in particolare quelle relative a tutti gli strumenti di piano focale.

 

Il SAG presenterà i risultati dei lavori compiuti in questi mesi durante l’EST Science Meeting, a cui è prevista la partecipazione di numerosi specialisti del settore, che faranno il punto sullo stato del progetto EST e discuteranno diversi casi scientifici che condurranno alla definizione dei requisiti scientifici di EST.

 

Il Meeting si articolerà nelle seguenti sessioni:

• Il progetto EST: stato dell’arte

• Struttura e evoluzione del flusso magnetico

• Propagazione di onde nell’atmosfera solare

• Dinamica e riscaldamento della Cromosfera

• Strutture a grande scala: macchie, protuberanze e filamenti

• La Corona solare

• I flare solari e gli altri eventi eruttivi

• Fisica dello scattering e diagnostica Hanle-Zeeman

 

Il Comitato Scientifico Organizzatore è formato da alcuni tra i maggiori specialisti del settore, appartenenti a vari e prestigiosi enti ed istituti di ricerca internazionali: L. Belluzzi (IRSOL, CH), M. Carlsson (UiO,NO), M. Collados Vera (IAC, ES), J. Jurcak (CAS, CZ), M. Mathioudakis (QUB, UK), S. Matthews (MSSL, UK), R. Erdelyi (Un. Sheffield, UK), R. Schlichenmaier (Co-Chair, KIS, DE), D. Utz (IGAM, AT), F. Zuccarello (Chair, UniCT, IT).

 

Il Comitato Organizzativo Locale è formato da diversi membri dell’Università di Catania e dell’INAF-Osservatorio Astrofisico di Catania, oltre che da membri di Università e centri di ricerca spagnoli: C. Anastasi (UniCT, IT), G. Bellassai (INAF-OAC, IT), M. Falco (INAF-OAC, IT), M. González (IAA - CSIC, ES) S. Guglielmino (UniCT, IT), A. Martin Gálvez (IAC, ES), E. Martinetti (INAF-OAC, IT), P. Romano (Co-Chair, INAF-OAC, IT), G. Santagati (INAF-OAC, IT), F. Zuccarello (Chair, UniCT, IT).

Per maggiori dettagli su EST: www.est-east.eu

https://owncloud.iac.es/index.php/s/8HXZNQwfbWz7HLv#pdfviewer

archiviato sotto: ,

L’intrigante atmosfera di Titano

18/02/2020

Grazie ad Alma, un gruppo di planetologi dell'Università di Tokyo ha trovato un'impronta chimica nell'atmosfera della luna più grande di Saturno che indica come i raggi cosmici provenienti dall'esterno del Sistema solare influenzino le reazioni chimiche coinvolte nella formazione di molecole organiche contenenti azoto. Si tratta della prima conferma osservativa di tali processi e ha implicazioni per la comprensione dell'ambiente di Titano. Tutti i dettagli su ApJ

Aurore extrasolari in onde radio

17/02/2020

Emissioni in banda radio da interazioni fra una stella e un suo pianeta: un tipo di “trasmissioni” che gli astronomi attendevano di ascoltare da almeno trent’anni. Ora, grazie alle antenne a bassa frequenza dell’array LoFar, ci sono riusciti. Il segnale arriva dalla nana rossa Gj 1151 e dal pianeta che le orbita attorno. Il risultato è pubblicato oggi su Nature Astronomy e apre le porte a una nuova tecnica per scoprire pianeti extrasolari

Eravamo Io, Venere e Tritone

14/02/2020

Alla fine ne resterà una sola, o al massimo due: sono le quattro nuove piccole missioni messe al vaglio dalla Nasa nell’ambito del programma Discovery. Due contemplerebbero le grazie bollenti di Venere, una studierebbe come la luna Io venga sommossa dalla passione gravitazionale di Giove, mentre l’ultima cercherebbe di cogliere un anelito di vita nell’algida Tritone, satellite di Nettuno