Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home La big science europea si confronta con l’industria italiana a Napoli

La big science europea si confronta con l’industria italiana a Napoli

Si è appena aperta, presso l'Auditorum Nazionale dell'INAF a Capodimonte, la due giorni "ILO Industrial Opportunities Days"
La big science europea si confronta con l’industria italiana a Napoli

Un momento dell'apertura dei lavori. Crediti: Enrico Cascone

Quando si parla di impatto dell’industria italiana sui mercati esteri, vengono spesso citati settori in cui il nostro Paese è tradizionalmente molto presente, come quello delle macchine utensili, dell’ l’agroalimentare o della moda.

Meno noto è il fatto che, in particolare negli ultimi anni, l’industria italiana è riuscita ad ottenere risultati eccellenti anche in un ambito molto competitivo e ad elevato contenuto tecnologico come quello delle forniture ai grandi laboratori di ricerca europei.

Dal super acceleratore LHC del CERN, al reattore dimostrativo per la fusione nucleare ITER in costruzione a Cadarache, ai telescopi europei dell’ESO e così via, la quota di ordini che le aziende italiane sono riuscite ad aggiudicarsi sono risultate spesso superiori alla frazione di finanziamento italiano ai laboratori, un grande risultato che testimonia la vitalità delle aziende italiane e la proficua collaborazione che esse hanno stabilito con gli enti di ricerca italiani ed europei.

A Napoli, dal 6 al 7 giugno, si ritrovano insieme, presso l’Auditorium nazionale INAF di Capodimonte, ricercatori, tecnici e Imprese italiane.  È un incontro in cui ogni quattro anni, vengono presentati gli scenari di sviluppo dei grandi progetti scientifici in Europa e le opportunità che essi possono offrire alle aziende in svariati settori tecnologici, che vanno dalla realizzazione di enormi magneti superconduttori, a quella di pezzi meccanici in grado di operare in condizioni estreme di vuoto e di temperature vicino alla zero assoluto, all’elettronica superveloce che permette di acquisire enormi quantità di dati decine di milioni di volte al secondo.  Una cinquantina di esperti, provenienti da tutta Europa, saranno nei due giorni a disposizione delle aziende italiane partecipanti, portando a Napoli informazioni di prima mano sui programmi dei prossimi anni.

L’evento è organizzato dalla rete degli Industrial Liaison Officer italiani, che, con il supporto di CNR, ENEA, INAF ed INFN,  svolgono un importante ruolo di collegamento con la aziende italiane e i laboratori europei.

 

archiviato sotto: ,

Sarà un Falcon 9 a portare Ixpe nello spazio

20/08/2019

Il satellite Ixpe (Imaging X-Ray Polarimetry Explorer) ha l’ambizioso obiettivo di aprire una nuova finestra nell’astronomia dei raggi X: quella della polarimetria. Ixpe partirà il prossimo aprile a bordo di un razzo Falcon 9 della società privata SpaceX. I contributi italiani di maggior rilievo sono quelli dell’Inaf, dell’Infn e dell’Asi

I dolori del giovane Giove

20/08/2019

La sonda Juno ha recentemente scoperto che il nucleo di Giove è più spappolato di quel che ci si aspettava. Una possibile spiegazione viene ora da uno studio, pubblicato su Nature, secondo cui il gigante gassoso ha subito nei sui primi milioni di anni di vita l’impatto frontale con un pianeta in formazione dalla massa pari a 10 volte quella terrestre

Raro sguardo al suolo d’un mondo roccioso

20/08/2019

La camera infrarossa Irac a bordo dell’osservatorio spaziale Spitzer della Nasa ha misurato la temperatura di quello che sembra essere il pianeta più piccolo per il quale gli scienziati hanno usato la luce proveniente dalla sua superficie per studiarne l’atmosfera. Lhs 3844b orbita in 11 ore attorno alla sua stella madre, una stella nana di tipo M a 48.6 anni luce dalla Terra, molto probabilmente non ha atmosfera e si presume sia ricoperto da roccia lavica scura