Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home La big science europea si confronta con l’industria italiana a Napoli

La big science europea si confronta con l’industria italiana a Napoli

Si è appena aperta, presso l'Auditorum Nazionale dell'INAF a Capodimonte, la due giorni "ILO Industrial Opportunities Days"
La big science europea si confronta con l’industria italiana a Napoli

Un momento dell'apertura dei lavori. Crediti: Enrico Cascone

Quando si parla di impatto dell’industria italiana sui mercati esteri, vengono spesso citati settori in cui il nostro Paese è tradizionalmente molto presente, come quello delle macchine utensili, dell’ l’agroalimentare o della moda.

Meno noto è il fatto che, in particolare negli ultimi anni, l’industria italiana è riuscita ad ottenere risultati eccellenti anche in un ambito molto competitivo e ad elevato contenuto tecnologico come quello delle forniture ai grandi laboratori di ricerca europei.

Dal super acceleratore LHC del CERN, al reattore dimostrativo per la fusione nucleare ITER in costruzione a Cadarache, ai telescopi europei dell’ESO e così via, la quota di ordini che le aziende italiane sono riuscite ad aggiudicarsi sono risultate spesso superiori alla frazione di finanziamento italiano ai laboratori, un grande risultato che testimonia la vitalità delle aziende italiane e la proficua collaborazione che esse hanno stabilito con gli enti di ricerca italiani ed europei.

A Napoli, dal 6 al 7 giugno, si ritrovano insieme, presso l’Auditorium nazionale INAF di Capodimonte, ricercatori, tecnici e Imprese italiane.  È un incontro in cui ogni quattro anni, vengono presentati gli scenari di sviluppo dei grandi progetti scientifici in Europa e le opportunità che essi possono offrire alle aziende in svariati settori tecnologici, che vanno dalla realizzazione di enormi magneti superconduttori, a quella di pezzi meccanici in grado di operare in condizioni estreme di vuoto e di temperature vicino alla zero assoluto, all’elettronica superveloce che permette di acquisire enormi quantità di dati decine di milioni di volte al secondo.  Una cinquantina di esperti, provenienti da tutta Europa, saranno nei due giorni a disposizione delle aziende italiane partecipanti, portando a Napoli informazioni di prima mano sui programmi dei prossimi anni.

L’evento è organizzato dalla rete degli Industrial Liaison Officer italiani, che, con il supporto di CNR, ENEA, INAF ed INFN,  svolgono un importante ruolo di collegamento con la aziende italiane e i laboratori europei.

 

archiviato sotto: ,

Sotto pressione, i buchi neri fanno festa

03/06/2020

Un nuovo studio condotto dalla Yale University mostra come l'intensa pressione che si può verificare negli ammassi di galassie sia in grado di spegnere la creazione di nuove stelle e porti alla disattivazione di alcuni buchi neri supermassicci che risiedono nelle galassie stesse. Ma questo non prima di aver concesso loro di banchettare un'ultima volta. Tutti i dettagli su The Astrophysical Journal Letters

Piccoli CubeSat crescono: osservato un esopianeta

03/06/2020

ASTERIA CubeSatSi chiama Asteria, ed è riuscito a “vedere” 55 Cancri e. I CubeSat non potranno sostituire al cento per cento i grandi telescopi orbitanti o le mastodontiche strutture osservative sulla Terra, ma satelliti come Asteria sono un valido aiuto per scoprire e studiare pianeti e altri oggetti grazie alla loro stabilità e a notevoli prestazioni tecnologiche

Nana bruna ancora in fasce a 337 anni luce da noi

03/06/2020

Un team del Mit ha scoperto, grazie ad alcuni risultati dell’iniziativa di citizen science Disk Detective, la più giovane nana bruna nel nostro circondario stellare. Ha un disco protoplanetario e potrebbe in futuro raccontarci qualcosa in più sui pianeti che si possono formare attorno a questi deboli oggetti stellari