Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Premio Pietro Tacchini XII edizione

Premio Pietro Tacchini XII edizione

Due premi di 3000 euro ciascuno, rispettivamente per l'area scientifica generale (astrofisica teorica, osservativa, interpretativa) e per l'area tecnologica, da assegnare alle migliori tesi del XXIX ciclo di dottorato.

A partire dal 2005, centenario della scomparsa di Pietro Tacchini, la Società Astronomica Italiana (SAIt) ha istituito un premio dedicato a questo astronomo che, negli anni nei quali si realizzava l’Unità d’Italia, fu tra i fondatori della SAIt come Società degli Spettroscopisti Italiani. Il premio è riservato a tesi di dottorato di ricerca di carattere astrofisico.

Grazie alla generosità del prof. Giancarlo Setti, vincitore del Premio “Sidereus Nuncius”, bandito congiuntamente dalla SAIt e dall’INAF, che ha devoluto il Premio al fine di riconoscimenti per le attività di giovani astronomi, per l'edizione 2017 sono disponibili due premi di 3000 euro ciascuno, rispettivamente per l'area scientifica generale (astrofisica teorica, osservativa, interpretativa) e per l'area tecnologica, da assegnare alle migliori tesi del XXIX ciclo di dottorato.

Se il premio in una delle due aree non dovesse essere assegnato, ne verranno resi disponibili due nell’altra. I vincitori avranno inoltre la possibilità di pubblicare un estratto della loro tesi sulla Rivista della SAIt “Il Giornale di Astronomia”. I premi saranno consegnati durante il Congresso annuale della SAIt, che quest’anno si svolgerà a Padova il 12-15 Settembre 2017. Per i vincitori è previsto il rimborso delle spese di viaggio e della quota di iscrizione al Congresso stesso.

I vincitori saranno selezionati tra i candidati designati dai rispettivi supervisori o da un membro del Collegio dei Docenti.

Le designazioni dovranno riportare:

  1. area (generale o tecnologica) per la quale viene posta la candidatura;

  2. nome e qualifica del presentatore;

  3. nome, cognome e indirizzo email del candidato;

  4. Istituto o Dipartimento presso il quale è stata svolta la tesi di Dottorato;

  5. titolo ed un breve riassunto della tesi;

  6. data di approvazione del competente Collegio;

  7. indirizzo web, anche riservato, sul quale la tesi potrà essere consultata in esteso dalla Commissione giudicatrice, garantendone comunque la riservatezza.

Alla designazione dovrà essere allegato:

a) breve curriculum del candidato con elenco delle pubblicazioni;

b) una relazione, a cura del presentatore, nella quale venga presentata la figura scientifica del candidato e i risultati conseguiti dalla tesi.

La designazione e la relativa documentazione deve essere fatta pervenire via email alla Segreteria SAIt, all’indirizzo: sait@sait.it con oggetto “Candidatura Premio Tacchini”, entro il 24 marzo 2017.

archiviato sotto:

Pinguini spaziali

07/08/2020

Immagini satellitari ad alta risoluzione della missione Copernicus Sentinel-2 dell’Esa hanno rivelato che in Antartide le colonie di pinguini imperatore sono quasi il 20 per cento in più di quanto si pensasse. Gli scienziati della British Antarctic Survey hanno contato le comunità attraverso le tracce di guano immortalate da satellite, rivelando inedite zone di nidificazione e consentendo nuove previsioni circa l’impatto del cambiamento climatico sulla salute della specie

Le potenzialità della speleologia extraterrestre

07/08/2020

Dalle immagini ad alta risoluzione delle sonde interplanetarie è evidente la presenza dei tubi lavici nel sottosuolo della Luna e di Marte. La loro morfologia superficiale è simile a quella degli analoghi terrestri, ampiamente studiati dagli speleologi. Media Inaf ha intervistato uno dei massimi esperti in materia, Francesco Sauro, direttore del programma Pangaea dell’Esa

Tubi lavici sulla Terra, sulla Luna e su Marte

07/08/2020

Un articolo pubblicato su Earth-Science Reviews offre una panoramica dei tubi lavici sulla Terra, fornendo anche una stima delle dimensioni degli analoghi lunari e marziani, che sono rispettivamente 100 e 1000 volte più larghi, arrivando a coprire distanze fino a 40 km. I tubi lavici rappresentano un obiettivo straordinario per l'esplorazione del sottosuolo e il potenziale insediamento umano