Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Privacy Documenti e risorse in materia di protezione dei dati personali

Documenti e risorse in materia di protezione dei dati personali

L’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF), con sede in Viale del Parco Mellini n. 84, IT-00136, Roma (PEC: inafsedecentralepcert.postecert.it, centralino +39 06.355339) è ente pubblico nazionale di ricerca con il compito di svolgere, promuovere e valorizzare la ricerca scientifica e tecnologica nei campi dellastronomia e dellastrofisica.

L’INAF, istituito con Decreto legislativo 23 luglio 1999, numero 296, e successivamente sottoposto a riordino con il Decreto legislativo 4 giugno 2003, numero 138, è soggetto alla vigilanza del Ministero dell’Università e della Ricerca.

Per lassolvimento delle proprie finalità istituzionali, l’INAF può svolgere attività di trattamento dei dati personali rilevanti ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 (RGPD - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati); in questi casi, lIstituto opera in qualità di Titolare del trattamento.

Di seguito sono elencati i principali provvedimenti in materia di tutela dei dati personali, i regolamenti e gli strumenti di policy adottati dallIstituto per garantire il pieno rispetto delle prescrizioni del RGPD e della vigente normativa nazionale di settore e la modulistica che gli interessati possono utilizzare per esercitare i diritti previsti dagli articoli 15 e seguenti del Regolamento (UE) 2016/679.

Le istanze possono essere presentate, senza alcuna formalità, al Responsabile della Protezione dei Dati presso l’INAF ai seguenti recapiti: Email - rpd@inaf.it; PEC - rpd-inaf@legalmail.it


NORMATIVA

Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 aprile 2016, relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE (Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati)

 

Decreto legislativo 30 giugno 2003, numero 196, recante il "Codice in materia di protezione dei dati personali" (integrato con le modifiche introdotte dal Decreto legislativo 10 agosto 2018, numero 101, recante "Disposizioni per l'adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 aprile 2016, relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE (Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati)"

 

REGOLAMENTI E STRUMENTI DI POLICY INAF

Delibera del Consiglio di Amministrazione del 20 novembre 2018, numero 106, ad oggetto "Definizione della organizzazione delle attività di trattamento di dati personali all'interno dell'Istituto Nazionale di Astrofisica"

 

Direttiva per l'utilizzo delle risorse informatiche dell'Istituto Nazionale di Astrofisica

 

Manuale per la gestione di Data Breach

 

MODULISTICA

Modulo per l'esercizio dei diritti in materia di protezione dei dati personali

Modulo per l'acquisizione del consenso dei soggetti esercenti la potestà genitoriale al trattamento dei dati personali dei minori di anni 16

 

INFORMATIVE

Informativa per il trattamento dei dati personali inerenti ai processi di gestione degli eventi e all’acquisizione di immagini o video

 

Informativa per il trattamento dei dati personali inerenti ai processi e ai procedimenti di competenza del Servizio di Staff alla Direzione Generale Relazioni con il Pubblico(U.R.P.)

 

Informativa per il trattamento dei dati personali inerenti ai processi e ai procedimenti di competenza del Responsabile della Protezione dei Dati

 

Informativa per il trattamento dei dati personali inerenti ai processi e ai procedimenti di competenza dell’Ufficio II “Gestione Bilancio, Contratti e Appalti” della Direzione Generale

 

Informativa per il trattamento dei dati personali inerenti ai processi di gestione dei progetti di ricerca

 

Informativa per il trattamento dei dati personali nell’ambito delle attività di sorveglianza sanitaria e alla gestione delle cartelle sanitarie a cura del medico competente

 

Informativa per il trattamento dei dati personali nell'ambito delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro

Quel vedo non vedo della costellazione Starlink

26/05/2020

L'obiettivo delle ultime modifiche che SpaceX intende apportare ai futuri satelliti Starlink è di renderli invisibili a occhio nudo e ridurre al minimo il loro impatto sulla ricerca astronomica, garantendo che qualunque effetto essi possano avere non ostacoli la capacità degli scienziati di fare nuove scoperte. Ma cosa ne pensa la Commissione Inaf di esperti per la valutazione dell’impatto delle costellazioni di nano-satelliti circa le nuove misure proposte dall'azienda di Elon Musk? Sono soddifacenti? «Al momento onestamente no», dice a Media Inaf Adriano Fontana

Starlink all’ombra delle visiere parasole

26/05/2020

La costellazione di satelliti Starlink si propone di fornire connettività a banda larga in tutto il mondo, ma la sfida di SpaceX si sta dimostrando piuttosto invasiva per chi vorrebbe continuare a osservare un cielo libero da treni di puntini che lo attraversano. Molte sono le critiche sollevate, soprattutto nel campo della ricerca astrofisica, e l’azienda di Elon Musk sta lavorando con gli astronomi di tutto il mondo per comprendere meglio le specifiche delle osservazioni astronomiche e i cambiamenti tecnici che occorre apportare ai satelliti per ridurne la luminosità. In questo lungo approfondimento vediamo insieme le modifiche proposte che dovrebbero essere implementate già dal prossimo giugno

Espresso prende meglio le misure a Proxima b

26/05/2020

Grazie alle accuratissime misure dello spettrografo Espresso, un gruppo internazionale di ricercatori, tra cui alcuni dell’Istituto nazionale di astrofisica, è riuscito a determinare la massa minima di Proxima b – circa il venti per cento più grande di quella della Terra – con una precisione quattro volte migliore a quella delle misure che ne consentirono la scoperta