Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Privacy Documenti e risorse in materia di protezione dei dati personali

Documenti e risorse in materia di protezione dei dati personali

L’Istituto Nazionale di Astrofisica, con sede in Viale del Parco Mellini n. 84, IT-00136, Roma (PEC: inafsedecentralepcert.postecert.it, centralino +39 06.355339) è ente pubblico nazionale di ricerca con il compito di svolgere, promuovere e valorizzare la ricerca scientifica e tecnologica nei campi dellastronomia e dellastrofisica.

LINAF, vigilato dal Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca (MIUR), per lassolvimento delle proprie finalità istituzionali può svolgere attività di trattamento dei dati personali rilevanti ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 (RGPD - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati); in questi casi, lIstituto opera in qualità di Titolare del trattamento.

Di seguito sono elencati i principali provvedimenti in materia di tutela dei dati personali, i regolamenti e gli strumenti di policy adottati dallIstituto per garantire il pieno rispetto delle prescrizioni del RGPD e della vigente normativa nazionale di settore e la modulistica che gli interessati possono utilizzare per esercitare i diritti previsti dagli articoli 15 e seguenti del Regolamento (UE) 2016/679.

Le istanze possono essere presentate, senza alcuna formalità, al Responsabile della Protezione dei Dati presso l’INAF ai seguenti recapiti: Email - rpd@inaf.it; PEC - rpd-inaf@legalmail.it


NORMATIVA

Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 aprile 2016, relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE (Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati)

 

Decreto legislativo 30 giugno 2003, numero 196, recante il "Codice in materia di protezione dei dati personali" (integrato con le modifiche introdotte dal Decreto legislativo 10 agosto 2018, numero 101, recante "Disposizioni per l'adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 aprile 2016, relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE (Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati)"

 

REGOLAMENTI E STRUMENTI DI POLICY INAF

Delibera del Consiglio di Amministrazione del 20 novembre 2018, numero 106, ad oggetto "Definizione della organizzazione delle attività di trattamento di dati personali all'interno dell'Istituto Nazionale di Astrofisica"

 

Direttiva per l'utilizzo delle risorse informatiche dell'Istituto Nazionale di Astrofisica

 

Manuale per la gestione di Data Breach

 

MODULISTICA

Modulo per l'esercizio dei diritti in materia di protezione dei dati personali


Dicibile e indicibile sui viaggi nel tempo

20/09/2019

Sono previsti anche appuntamenti aperti al pubblico in occasione del convegno The Time Machine Factory 2019, che vede fra gli organizzatori l'Inaf e durante il quale si parlerà di curve temporali chiuse, ovvero tutto ciò che - pur non violando le leggi della fisica - può essere considerato "viaggio nel tempo", nonché delle possibili applicazioni alla metrologia relativistica e quantistica

Le storie parallele di Ryugu & Bennu

20/09/2019

Tra i protagonisti assoluti del congresso mondiale di scienze planetarie in corso a Ginevra abbiamo trovato Ryugu e Bennu, i due asteoridi visitati rispettivamente dalla sonda giapponese Hyabusa2 e da quella statunitense Osiris-Rex. Abbiamo intervistato alcuni degli scienziati e scienziate connazionali coinvolti nelle missione riguardo alle ultime novità presentate al congresso

L’impatto che aumentò la biodiversità

19/09/2019

Un grande asteroide viene frantumato fra Marte e Giove e, un paio di milioni di anni dopo, la vita sulla Terra fa un salto evolutivo strabiliante. Un nuovo studio di astrogeobiologia trova le connessioni tra eventi distanti ma avvenuti tutti più o meno mezzo miliardo di anni fa