Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home La SKA Organisation cerca un nuovo Engineering Project Manager

La SKA Organisation cerca un nuovo Engineering Project Manager

Il termine per l'invio delle domande scade l'11 dicembre 2014. Lo Square Kilometre Array sarà la rete di radiotelescopi più grande al mondo.

La SKA Organisation fa sapere che si è liberata una posizione come Engineering Project Manager presso la sede centrale all'osservatorio Jodrell Bank (Regno Unito). Lo Square Kilometre array, quando verrà completato nel 2020, sarà il network di radiotelescopi più grande al mondo.

L'Engineering Project Manager lavorerà a stretto contatto con il capo del progetto e sarà responsabile dei follow-up delle diverse fasi di lavoro, oltre che di alcuni pacchetti di lavoro: Central Signal Processing (CSP), Aperture Arrays (AA), Signal and Data Transport and Synchronisation and Timing (SaDT).
Inviare un curriculum vitae e lettera di presentazione a jobs@skatelescope.org. Il termine per la presentazione delle domane scade l'11 dicembre 2014.

CLICCA QUI per visionare il bando di concorso

archiviato sotto: ,

Aretha Franklin, la Nasa le dedica un asteroide

17/08/2018

Scoperto nel 2010, l’asteroide della fascia principale 2010 CV60 era stato dedicato – dall’astronoma dell'Agenzia spaziale statunitense Amy Mainzer – alla cantautrice scomparsa ieri, giovedì 16 agosto, all’età di 76 anni

Aspettando Oppy

17/08/2018

È dallo scorso 10 giugno che il rover Opportunity della Nasa non dà segni di vita. Ma la tempesta di polvere che lo ha costretto all’isolamento sembra placarsi, e i tecnici della missione si preparano a tentare di ristabilire un collegamento

Ferro e titanio: l’atmosfera infernale di Kelt-9b

15/08/2018

In orbita stetta attorno a una stella a 650 anni luce da noi, il gigante gassoso ha una temperatura elevatissima: oltre 4000 gradi. La rilevazione dei metalli è avvenuta grazie allo strumento Harps-N del Tng. Fra gli autori dello studio, pubblicato oggi su Nature, c’è anche Emilio Molinari, direttore dell’Inaf di Cagliari