Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home La SKA Organisation cerca un nuovo Engineering Project Manager

La SKA Organisation cerca un nuovo Engineering Project Manager

Il termine per l'invio delle domande scade l'11 dicembre 2014. Lo Square Kilometre Array sarà la rete di radiotelescopi più grande al mondo.

La SKA Organisation fa sapere che si è liberata una posizione come Engineering Project Manager presso la sede centrale all'osservatorio Jodrell Bank (Regno Unito). Lo Square Kilometre array, quando verrà completato nel 2020, sarà il network di radiotelescopi più grande al mondo.

L'Engineering Project Manager lavorerà a stretto contatto con il capo del progetto e sarà responsabile dei follow-up delle diverse fasi di lavoro, oltre che di alcuni pacchetti di lavoro: Central Signal Processing (CSP), Aperture Arrays (AA), Signal and Data Transport and Synchronisation and Timing (SaDT).
Inviare un curriculum vitae e lettera di presentazione a jobs@skatelescope.org. Il termine per la presentazione delle domane scade l'11 dicembre 2014.

CLICCA QUI per visionare il bando di concorso

archiviato sotto: ,

Hubble gioca a Legus con le stelle

18/05/2018

Resa disponibile quella che a oggi è la più accurata e completa visione nell’ultravioletto di galassie con formazione stellare nel nostro vicinato cosmico: una raccolta di immagini di cinquanta galassie osservate in varie bande di radiazione dal telescopio spaziale Nasa/Esa e integrate da un esteso catalogo delle stelle e degli ammassi stellari presenti in trenta di esse

Emissione laser dalla Nebulosa Formica

17/05/2018

Di recente un team internazionale di astronomi ha scoperto un'insolita emissione laser che suggerisce la presenza di un sistema binario nascosto nel cuore di questa nebulosa

Il destino d’un gioviano? È scritto nelle stelle

17/05/2018

Le stelle con gioviani caldi presentano una metallicità maggiore di quelle con gioviani freddi. Lo suggerisce uno studio spettroscopico, guidato da Jesus Maldonado dell’Inaf di Palermo, pubblicato su Astronomy & Astrophysics