Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home La SKA Organisation cerca un nuovo Engineering Project Manager

La SKA Organisation cerca un nuovo Engineering Project Manager

Il termine per l'invio delle domande scade l'11 dicembre 2014. Lo Square Kilometre Array sarà la rete di radiotelescopi più grande al mondo.

La SKA Organisation fa sapere che si è liberata una posizione come Engineering Project Manager presso la sede centrale all'osservatorio Jodrell Bank (Regno Unito). Lo Square Kilometre array, quando verrà completato nel 2020, sarà il network di radiotelescopi più grande al mondo.

L'Engineering Project Manager lavorerà a stretto contatto con il capo del progetto e sarà responsabile dei follow-up delle diverse fasi di lavoro, oltre che di alcuni pacchetti di lavoro: Central Signal Processing (CSP), Aperture Arrays (AA), Signal and Data Transport and Synchronisation and Timing (SaDT).
Inviare un curriculum vitae e lettera di presentazione a jobs@skatelescope.org. Il termine per la presentazione delle domane scade l'11 dicembre 2014.

CLICCA QUI per visionare il bando di concorso

archiviato sotto: ,

Una finestra sul passato dell’universo

19/02/2018

Il telescopio spaziale Hubble ci regala una nuova ma antichissima finestra affacciata sui lontani confini dell’universo: un ammasso di galassie a 5 miliardi di anni luce da noi, con lente gravitazionale annessa

Tramonto alla fine del mondo

18/02/2018

Il sole poggia sull’orizzonte innevato, sta per avere inizio l’isolamento dell’inverno polare. Pian piano si arriverà a toccare temperature di -80 °C. Alla Stazione Concordia sono rimasti in 13: gli esseri umani più isolati del pianeta, ancor più degli astronauti a bordo della Stazione spaziale internazionale

Mamma, non ho paura degli alieni!

16/02/2018

Come reagirebbe l'umanità se ci venisse comunicata la scoperta di forme di vita extraterrestre? Non così male, almeno secondo un recente lavoro condotto da un team di ricercatori dell’Arizona State University pubblicato su ”Frontiers in Psicology”