Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Amministrazione trasparente Disposizioni generali Atti generali Il Codice di comportamento dell'INAF

Il Codice di comportamento dell'INAF

Il Codice di comportamento dell'Istituto Nazionale di Astrofisica integra e specifica il codice di comportamento dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni, ai sensi dell'art. 54, comma 5, del D.lgs. n. 165/2001, come novellato dall'art. 1, comma 44, della L. n. 190/2012.

Il Codice di comportamento è stato adottato dal Consiglio di Amministrazione dell'INAF con delibera n. 40/2015 dell'8 luglio 2015 ed inviato all'Autorità Nazionale Anticorruzione (A.N.AC.) in data 21 luglio 2015, per acquisirne il parere nel rispetto di quanto previsto dalla delibera A.N.AC. n. 75/2013 del 24 ottobre 2013.

Il Codice è stato poi approvato in via definitiva dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 18/2015 del 4 novembre 2015.


 

Il Codice di comportamento dell'INAF

 

Relazione illustrativa del Direttore Generale

Ricostruzione di una morte disordinata con Jwst

09/12/2022

Dalle immagini del telescopio spaziale James Webb della nebulosa Anello del sud, un gruppo internazionale di astronomi è riuscito a ricostruire le ultime fasi della vita della stella al centro della nebulosa, che sembrano aver coinvolto anche altre stelle compagne che probabilmente ne hanno accelerato la morte. Tutti i dettagli su Nature Astronomy

Tributo a Margherita Hack

08/12/2022

Martedì 13 dicembre, dalle 18, al teatro Miela di Trieste, una serata dedicata al ricordo della figura della grande scienziata, nel centenario della nascita, attraverso un dialogo tra Telmo Pievani e la stretta collaboratrice della Hack Francesca Matteucci. Modera Caterina Boccato. Ingresso gratuito

A caccia di materia oscura con due orologi

07/12/2022

Mentre l’accuratezza e la portabilità degli orologi atomici continuano a migliorare, tre scienziati hanno pensato di inviare due di questi orologi di precisione nelle zone più interne del Sistema solare, alla ricerca di materia oscura ultraleggera che ha proprietà ondulatorie che potrebbero influenzarne il funzionamento, e in particolare la differenza nel ticchettio degli stessi