Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Amministrazione trasparente Disposizioni generali Atti generali Statuto e Regolamenti dell'INAF

Statuto e Regolamenti dell'INAF

Statuto dell'INAF, approvato dal Consiglio di Amministrazione con Delibera del 25 maggio 2018, numero 42

 

Regolamento del Personale, approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 23/2015 dell’11 maggio 2015, pubblicato in Gazzetta Ufficiale - Serie Generale n. 253 del 30 ottobre 2015 ed entrato in vigore il 1° novembre 2015

 

Regolamento di amministrazione, contabilità e attività contrattuale e relativi allegati

 

Disciplinare di organizzazione e funzionamento, modificato con delibere del CdA n. 84/2013 del 19.12.2013, n. 07/2014 del 19.02.2014, n. 28/2015 del 16.12.2015, n. 16/2016 del 21.03.2016 e n. 107/2016 del 19.10.2016

 

Disciplinare per i lavori e per l'acquisizione di beni e servizi in economia, approvato con delibera del CdA n. 03/2014 del 17.01.2014

 

Regolamento concernente le spese di rappresentanza e talune spese di funzionamento, approvato con decreto del Commissario Straordinario n. 52/07 del 10.10.2007

 

Regolamento per la disciplina degli incarichi di missione

 

Decreto legislativo 4 giugno 2003, n. 138, di riordino dell'INAF (G.U. n.140 del 19.06.2003)

 

Estratto dal Decreto legislativo 21 gennaio 2004, n. 38

 


Altri Regolamenti e Disciplinari

Sulle tracce del carbonio, dell’azoto e dell’ossigeno

02/12/2022

Dopo l’idrogeno e l’elio, l’ossigeno, il carbonio e l’azoto sono gli elementi più abbondanti nell’universo, presenti in qualunque ambiente astrofisico, e alla base di tutte le forme di vita conosciute. Sappiamo che vengono sintetizzati nelle stelle, ma sui loro processi produttivi ed evolutivi ci sono ancora incertezze e lacune. Ospitiamo un editoriale sull’argomento di Donatella Romano (Inaf Bologna), che lo ha appena affrontato su The Astronomy and Astrophysics Review

Un impatto di Chicxulub su Marte

01/12/2022

La collisione di un piccolo asteroide di alcuni km di diametro caduto su Marte circa 3,4 miliardi di anni fa nell'oceano boreale avrebbe creato il mega tsunami responsabile della cancellazione delle strutture alluvionali che avrebbero dovuto trovarsi alla fine di Maja Valles dove, nel 1976, si è posato il lander della sonda Viking 1. Questo scenario, presentato oggi su Scientific Reports, risolverebbe un vecchio mistero marziano

Orione e le sue nubi

01/12/2022

Finalmente è giunto il momento della costellazione di Orione, alta nel cielo e ben riconoscibile in questo periodo. Con le sue stelle di diverso colore, Betelgeuse e Rigel, nebulose con stelle in formazione e resti di antiche supernove, racchiude un condensato di astrofisica