Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Amministrazione trasparente Personale OIV OIV

OIV

OIV

Delibera del Consiglio di Amministrazione 47/2020 del 5 giugno 2020, ad oggetto "Nomina del nuovo Organismo Indipendente di Valutazione della Performance dell’Istituto Nazionale di Astrofisica"

 

Componenti OIV

Dott.ssa  Adelia Mazzi - Presidente (Curriculum vitae)

Dott. Alessandro Preti - Componente (Curriculum vitae)

Avv. Alessio Ubaldi - Componente (Curriculum vitae)

 

Compensi OIV

Tabella aggiornata

 

Struttura tecnica permanente per la misurazione della performance

Determinazione del Direttore Generale del 30 gennaio 2019, numero 20 "Costituzione della Struttura Tecnica permanente per la misurazione della Performance ai sensi dell'articolo 14, comma 9, del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, numero 150"

 

 

OIV - Archivio (2016-2019)

OIV - Archivio (2010-2016)

 

 

Contatti (oiv@inaf.itsupporto-OIV@ced.inaf.it)

Con un rover sull’Etna, come fosse Marte

24/09/2021

In preparazione della prossima missione dell’Esa sul Pianeta rosso, lo scorso luglio una spedizione del progetto EuroMoonMars – formata da 11 studenti e da ricercatori di vari paesi europei, fra i quali alcuni astronomi dell’Inaf di Catania – si è recata sull’Etna per una serie di simulazioni d’esplorazione marziana. I risultati sono stati presentati la settimana scorsa all’Epsc 2021

Astrobiologia: tutte le molecole dei “Guapos”

24/09/2021

In una regione di formazione stellare nella Via Lattea, un gruppo di astrochimici guidati da Laura Colzi (Centro di Astrobiología di Madrid / Inaf di Firenze) ha scovato diverse molecole organiche complesse che potrebbero aver contribuito alla nascita ed evoluzione della vita sulla Terra primitiva. Il progetto si chiama Guapos e i dati sono stati raccolti con le antenne di Alma in Cile

Al via la caccia al tesoro internazionale dell’Inaf

23/09/2021

Venerdì sera alle 21, durante la Notte europea dei ricercatori, avverrà il lancio della Code Hunting Game astrofisica internazionale dell’Inaf, sviluppata in collaborazione con Alessandro Bogliolo dell’Università di Urbino e lo spin-off universitario Digit srl. Cinque lingue, sei continenti, oltre trecento luoghi da scoprire, dai quali si osserva, si studia o si racconta l’universo. Siete invitati alla diretta della caccia al tesoro, per scoprire come si gioca insieme ai ricercatori