Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Amministrazione trasparente Privacy

Privacy

In base a quanto disposto dall'articolo 13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 ("Codice in materia di protezione dei dati personali"), l’INAF, in qualità di Titolare del trattamento dei dati personali, fornisce le seguenti informazioni:

  • il trattamento dei dati personali è finalizzato unicamente allo svolgimento dei servizi offerti dal sito;
  • i dati forniti possono essere trattati dal responsabile del trattamento e dagli incaricati in funzione del servizio richiesto;
  • i dati stessi non saranno comunicati a terzi;
  • il trattamento dei dati è effettuato da dipendenti dell’Ente appositamente incaricati o da soggetti operanti per conto dell’INAF stesso, nominati incaricati o responsabili del trattamento, con l'utilizzo di procedure informatizzate, in grado di tutelare e garantire la riservatezza dei dati forniti, e nei modi e limiti necessari per perseguire le predette finalità;
  • gli interessati possono avvalersi dei diritti di cui all'articolo 7 del citato Codice e, in particolare, del diritto di ottenere la conferma del trattamento dei propri dati personali, di chiederne la rettifica, l'aggiornamento e la cancellazione, se incompleti, erronei o raccolti in violazione della legge, nonché di opporsi al loro trattamento per motivi legittimi, rivolgendo le richieste al responsabile del trattamento.

 

Tramonto alla fine del mondo

18/02/2018

Il sole poggia sull’orizzonte innevato, sta per avere inizio l’isolamento dell’inverno polare. Pian piano si arriverà a toccare temperature di -80 °C. Alla Stazione Concordia sono rimasti in 13: gli esseri umani più isolati del pianeta, ancor più degli astronauti a bordo della Stazione spaziale internazionale

Mamma, non ho paura degli alieni!

16/02/2018

Come reagirebbe l'umanità se ci venisse comunicata la scoperta di forme di vita extraterrestre? Non così male, almeno secondo un recente lavoro condotto da un team di ricercatori dell’Arizona State University pubblicato su ”Frontiers in Psicology”

Voracissimi, precocissimi, ultramassivi

16/02/2018

I più grandi buchi neri dell’universo crescono più rapidamente di quanto nuove stelle si stiano formando all’interno delle galassie che li ospitano. La scoperta, compiuta servendosi dei dati di Chandra e di altri importanti telescopi, sta per essere pubblicata in due articoli su Mnras