Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Lavora con noi Assegno di ricerca per comunicazione multimediale progetto SKA

Assegno di ricerca per comunicazione multimediale progetto SKA

Pubblica selezione, per titoli ed eventuale colloquio, per il conferimento di un assegno di collaborazione ad attività di ricerca, dal titolo “Ricerca su nuovi metodi e linguaggi della comunicazione scientifica INAF per la diffusione dei risultati e delle notizie inerenti il Progetto S.K.A., Square Kilometre Array, con particolare riferimento allo sviluppo della relativa comunicazione multimediale da svilupparsi principalmente sul web avvalendosi anche delle diverse forme di social-network”. Selezione n. 07/2014/IRA/AR
Tipologia Assegni di ricerca
Data di pubblicazione 29/06/2014
Scadenza termini partecipazione 18/07/2014

Il bando

Allegato A

Allegato B


Esoluna nuova

14/01/2022

Se confermata, sarebbe una luna enorme, in orbita attorno a un gigante gassoso a 5500 anni luce dalla Terra, in direzione delle costellazioni del Cigno e della Lira. Per ora la sua presenza è stata dedotta dalle irregolarità di due transiti, osservati con il telescopio spaziale Kepler dal team di cercatori di esolune guidato da David Kipping della Columbia University. Il risultato è riportato su Nature Astronomy

L’imprevedibilità di Sagittarius A*

14/01/2022

Utilizzando 15 anni di dati del satellite Swift della Nasa, un team internazionale di ricercatori – di cui fa parte Gabriele Ponti di Inaf – ha scoperto che la controparte radiativa del buco nero al centro della nostra galassia, Sagittarius A*, manifesta flare irregolari sia su scala giornaliera che su scale temporali più lunghe. A oggi, il motivo di queste emissioni non è ancora ben compreso. Tutti i dettagli su Mnras

Passa l’esame dell’Esa il cacciatore di pianeti Plato

14/01/2022

Con il superamento della Critical Milestone Review, la missione Plato dell’Esa ha ricevuto il via libera a completare il processo di costruzione del satellite e del payload. Luca Valenziano (Inaf): «Il traguardo intermedio raggiunto con questa milestone ci rende orgogliosi e fiduciosi per l’impegnativa fase di costruzione degli strumenti, che vedrà i ricercatori italiani in prima fila in quasi ogni ambito di questa complessa, ambiziosa missione»