Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Lavora con noi Bandi di gara Bando di gara - Procedura ristretta per i servizi assicurativi dell'INAF anno 2013-2015

Bando di gara - Procedura ristretta per i servizi assicurativi dell'INAF anno 2013-2015

Tipologia Altro
Data di pubblicazione 23/11/2012
Scadenza termini partecipazione 10/12/2012 13:05
Chiusura procedimento 10/12/2012

-


 

Bando di gara

Comunicazione di aggiudicazione definitiva della procedura ristretta

Determina decisione a contrattare

Determina nomina commissione gara assicurazioni anni 2013 2014 2015

Determina aggiudicazione definitiva gara assicurazioni 2013-2015

Wasp-107b, come una nuvola di zucchero filato

18/01/2021

Utilizzando i dati dell’Osservatorio Keck, un team internazionale di astronomi ha scoperto che la massa del nucleo dell'esopianeta gigante Wasp-107b è molto inferiore a quanto si riteneva necessario per giustificare l'immenso inviluppo di gas che circonda i pianeti giganti. L’esopianeta è grande come Giove ma ha una massa dieci volte minore, con un nucleo solido di non più di quattro volte la massa della Terra. Tutti i dettagli su Astronomical Journal

Pennellate magnetiche nella galassia Whirlpool

18/01/2021

Lo strumento Sofia della Nasa, montato su un Boeing 747, ha studiato l’intenso campo magnetico che domina la galassia a spirale M51A. I risultati sono stati presentati in questi giorni al convegno online dell’Aas. La polarimetria in infrarosso ha permesso di capire come le linee di campo magnetico siano molto caotiche e disordinate alla periferia della galassia, al contrario di quanto accade al centro

Galassie fantastiche e dove trovarle

18/01/2021

Un nuovo studio basato su osservazioni effettuate con il radiotelescopio MeerKat ha rivelato ben due radiogalassie giganti, tra gli oggetti singoli più grandi dell’intero universo, in una porzione relativamente piccola del cielo. La scoperta suggerisce che queste galassie siano più comuni del previsto, e apre nuove prospettive per lo studio della formazione ed evoluzione delle galassie nel corso della storia del cosmo