Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Lavora con noi Bandi di gara Procedura di cottimo fiduciario per l’affidamento del servizio di certificazione contabile dei contratti relativi a progetti di ricerca, sviluppo tecnologico e formazione professionale finanziati nell’ambito dei Programmi Quadro dell’UE

Procedura di cottimo fiduciario per l’affidamento del servizio di certificazione contabile dei contratti relativi a progetti di ricerca, sviluppo tecnologico e formazione professionale finanziati nell’ambito dei Programmi Quadro dell’UE

Procedura di cottimo fiduciario per l’affidamento del servizio di certificazione contabile dei contratti relativi a progetti di ricerca, sviluppo tecnologico e formazione professionale finanziati nell’ambito dei Programmi Quadro dell’Unione Europea (VII e HORIZON 2020)
Tipologia Altro
Data di pubblicazione 29/04/2015
Scadenza termini partecipazione 11/12/2015
Chiusura procedimento 11/12/2015

Ltt 9779b, il pianeta “ultra” terreno

21/09/2020

Grazie ai dati ottenuti dal satellite Tess, dai 23 telescopi della rete del Las Cumbres Observatory, dal telescopio Ngts e dallo strumento Harps, e con il contributo dell'osservatorio di Campo Catino, un team di astronomi guidato dall'Università del Cile ha scoperto Ltt 9779b: il primo di una classe di pianeti mai osservati prima d'ora, i nettuniani ultra caldi. I dettagli della scoperta su Nature Astronomy

Il violento passato di Ryugu e Bennu

21/09/2020

I ricercatori che lavorano alle missioni Hayabusa2 (Jaxa) e Osiris-Rex (Nasa) hanno trovato inaspettatamente rocce chiare sui rispettivi asteroidi Ryugu e Bennu: la scoperta fornisce nuovi solidi indizi sulla composizione e sull'origine dei corpi che li hanno impattati nella loro storia. Lo speciale su Nature Astronomy

Tracce di Vesta su Bennu

21/09/2020

Per la prima volta è stata osservata la contaminazione di un piccolo asteroide carbonaceo come Bennu da parte di materiale proveniente da un altro asteroide. La scoperta è stata fatta grazie agli strumenti a bordo della sonda spaziale della Nasa Osiris-Rex. Tra gli autori dello studio appena pubblicato su Nature Astronomy anche Giovanni Poggiali dell’Inaf