Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Lavora con noi Progressioni di carriera Procedura di selezione ex art. 53 con decorrenza 1° gennaio 2019

Procedura di selezione ex art. 53 con decorrenza 1° gennaio 2019

Tipologia Altro
Data di pubblicazione 21/12/2018
Scadenza termini partecipazione 30/01/2019

Procedura di selezione ai sensi dell’articolo 53 del "contratto collettivo nazionale di lavoro del personale del comparto delle istituzioni e degli enti di ricerca e sperimentazione per il quadriennio normativo 1998-2001 ed il biennio economico 1998-1999", sottoscritto il 21 febbraio 2002, per la copertura di quarantacinque posti complessivi per le progressioni economiche del personale tecnico e amministrativo inquadrato nei livelli apicali dei singoli profili.

 

Il termine di scadenza per la presentazione delle domande è fissato al 30 gennaio 2019.



Ecografia di un getto “fast and furious”

16/01/2019

Colta, per la prima volta, l’interazione tra il getto responsabile dell’emissione ad alta energia e gli strati più esterni della stella progenitrice. Con l’evento è stato avvistato anche un potentissimo lampo di raggi gamma. Lo studio pubblicato su Nature è firmato da numerosi astronomi dell’Istituto Nazionale di astrofisica

Eclisse di Luna, istruzioni per l’uso

16/01/2019

In questo articolo di Mauro Messerotti, ricercatore all’Inaf di Trieste, tutte le informazioni per seguire al meglio il fenomeno. Certo, occorrerà alzarsi prima dell’alba, ma ne varrà la pena: per la prossima eclisse totale di Luna visibile in tutta la fase di totalità occorrerà infatti attendere una decina d’anni, fino al 31 dicembre 2028

RadioAstron non comunica più

16/01/2019

Il grande radiotelescopio spaziale russo, unica antenna al di fuori della Terra per le osservazioni in modalità Vlbi, dal 10 gennaio scorso non risponde più ai comandi. Quale impatto scientifico avrebbe una perdita del satellite? Lo abbiamo chiesto a Gabriele Giovannini dell’Inaf Ira di Bologna