Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF A Stefano Andreon il premio IAA Fellow

A Stefano Andreon il premio IAA Fellow

L'International Astrostatistics Association (IAA) ha assegnato il premio "IAA Fellow" a Stefano Andreon, ricercatore INAF presso l'Osservatorio Astronomico di Brera

L'International Astrostatistics Association (IAA), associazione professionale che riunisce astronomi, fisici, esperti di statistica e informatica coinvolti nelle analisi statistiche di dati astronomici, ha assegnato il premio "IAA Fellow" a Stefano Andreon, ricercatore INAF presso l'Osservatorio Astronomico di Brera.


Il premio è stato assegnato con questa motivazione: "Per la sua attività per l'International Astrostatistics Association, sia come presidente che come membro del primo Consiglio della IAA; per i suoi rilevanti contributi nei testi di astrostatistica a per la sua dedizione nell'incoraggiare l'insegnamento delle scienze statistiche alle nuove generazioni di astronomi".

archiviato sotto: , ,

Groenlandia: sotto i ghiacci un enorme cratere

15/11/2018

Il cratere misura più di 31 chilometri di diametro e per questo è stato collocato tra i 25 più grandi crateri da impatto sulla Terra. È rimasto sotto il ghiaccio per migliaia di anni

Passaggio in India: nuove opportunità per l’Inaf

15/11/2018

Al vertice di collaborazione scientifica e tecnologica fra i due paesi erano presenti anche il premier indiano, Narendra Modi, e il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che ha citato tra i progetti di grande rilevanza strategica per l’Italia Ska ed Elt. Il resoconto di Luca Valenziano, rappresentante della presidenza Inaf

Cosa è successo alla kilonova Gw170817?

15/11/2018

Che tipo di oggetto celeste è rimasto da quello che è stato il primo evento di fusione di due stelle di neutroni mai rilevato contemporaneamente, nelle onde gravitazionali e in quelle elettromagnetiche? La risposta prova a darla un articolo basato su una nuova analisi dei dati dell’interferometro Ligo