Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Accordo quadro di cooperazione INAF-CNRS

Accordo quadro di cooperazione INAF-CNRS

L’accordo prevede, tra l’altro, la costituzione di un comitato scientifico paritetico di raccordo e il finanziamento di azioni congiunte di cooperazione internazionale: programmi internazionali di cooperazione scientifica (PICS), reti internazionali di ricerca europee (GDRI), e laboratori internazionali associati (LIA).

L’11 luglio è stato sottoscritto un accordo quadro di cooperazione scientifica tra il CNRS e l’INAF.

I due Enti, che già collaborano da molto tempo, auspicano che l’accordo possa rafforzare la cooperazione tra le rispettive comunità scientifiche nel settore dell’Astrofisica e dell’Astronomia.

L’accordo prevede, tra l’altro, la costituzione di un comitato scientifico paritetico di raccordo e il finanziamento di azioni congiunte di cooperazione internazionale: programmi internazionali di cooperazione scientifica (PICS) reti internazionali di ricerca europee, (GDRI) e laboratori internazionali associati (LIA).

Il primo bando congiunto di finanziamento, previsto dall’accordo, è riservato ai Programmi Internazionali di Cooperazione Scientifica (PICS) la cui scadenza è prevista per il 15 ottobre p.v e sarà pubblicato sulla pagina dell’Unità Relazioni Internazionali.

La prima call prevede il finanziamento di due PICS.

archiviato sotto: ,

Hubble festeggia con un Granchio

19/04/2019

Una foto spettacolare della Nebulosa Meridionale del Granchio si aggiunge alla collezione e celebra il ventinovesimo compleanno di Hubble, il telescopio che, in attesa del James Webb telescope, non smette di stupire

Ministella, megaflare

19/04/2019

A 250 anni luce di distanza dalla Terra, su una piccola e fredda stella grande quanto Giove, è stato osservato un brillamento stellare dieci volte più potente di qualsiasi cosa sia mai stata vista sul Sole. Il brillamento, osservato nella notte del 13 agosto 2017, ha emesso un’energia equivalente a 80 miliardi di megatoni. Tutti i dettagli su Mnras Letters

Il cuore duro di Mercurio

18/04/2019

Un solido cuore di ferro grande circa la metà dell’intero nucleo del pianeta. Sono i risultati ottenuti grazie alle osservazioni della sonda Messenger della Nasa durante quattro anni in orbita attorno a Mercurio. Media Inaf ha intervistato il primo autore dello studio pubblicato sulla rivista Geophysical Research Letters, il 34enne Antonio Genova della Sapienza Università di Roma