Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Accordo quadro di cooperazione INAF-CNRS

Accordo quadro di cooperazione INAF-CNRS

L’accordo prevede, tra l’altro, la costituzione di un comitato scientifico paritetico di raccordo e il finanziamento di azioni congiunte di cooperazione internazionale: programmi internazionali di cooperazione scientifica (PICS), reti internazionali di ricerca europee (GDRI), e laboratori internazionali associati (LIA).

L’11 luglio è stato sottoscritto un accordo quadro di cooperazione scientifica tra il CNRS e l’INAF.

I due Enti, che già collaborano da molto tempo, auspicano che l’accordo possa rafforzare la cooperazione tra le rispettive comunità scientifiche nel settore dell’Astrofisica e dell’Astronomia.

L’accordo prevede, tra l’altro, la costituzione di un comitato scientifico paritetico di raccordo e il finanziamento di azioni congiunte di cooperazione internazionale: programmi internazionali di cooperazione scientifica (PICS) reti internazionali di ricerca europee, (GDRI) e laboratori internazionali associati (LIA).

Il primo bando congiunto di finanziamento, previsto dall’accordo, è riservato ai Programmi Internazionali di Cooperazione Scientifica (PICS) la cui scadenza è prevista per il 15 ottobre p.v e sarà pubblicato sulla pagina dell’Unità Relazioni Internazionali.

La prima call prevede il finanziamento di due PICS.

archiviato sotto: ,

La storia del Sole sotto la crosta lunare

19/06/2019

Una trottola da un giro completo ogni 9 o 10 giorni. Sarebbe stata questa la velocità di rotazione del nostro Sole quando portava i pantaloncini corti. Un risultato che un team di ricercatori del Goddard Space Flight Center Nasa ha ottenuto grazie a simulazioni utilizzando la Luna come probando. Lo studio è pubblicato su The Astrophysical Journal Letters

Osservata la danza delle prime galassie

19/06/2019

Un team di ricercatori è riuscito in un’impresa che finora sembrava impossibile: cogliere i dettagli di una fusione fra galassie avvenuta quando l’universo ancora doveva compiere il suo primo miliardo di anni. A guidare lo studio, in uscita su ApJ, è stato Roberto Decarli dell’Inaf di Bologna. Lo abbiamo intervistato

Due nuove simil-Terre attorno una stellina vicina

19/06/2019

Nella collaborazione internazionale che ha scoperto due pianeti di massa paragonabile a quella terrestre attorno alla Stella di Teegarden - una nana rossa a 12.5 anni luce di distanza - c’è anche Luigi Mancini dell’Università di Roma Tor Vergata e associato Inaf. Lo abbiamo intervistato