Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF AGN13: Beauty and the Beast

AGN13: Beauty and the Beast

E' in programma dal 9 al 12 ottobre prossimo il XIII congresso Italiano sui Nuclei Galattici Attivi (AGN) dal titolo AGN13: Beauty and the Beast. L'incontro scientifico si svolgerà presso l'Acquario Civico, nel centro di Milano
Dal 9 al 12 ottobre si svolgerà a Milano il XIII congresso Italiano sui Nuclei Galattici Attivi (AGN) dal titolo AGN13: Beauty and the Beast.

Il congresso, organizzato in questa edizione dall’INAF-Osservatorio Astronomico di Brera, si svolgerà presso l’Acquario Civico, nella splendida area del Parco Sempione, 
tra l’Arena Civica e il Castello Sforzesco, nel pieno centro di Milano.

"La conferenza rappresenta un importante appuntamento biennale di riferimento a livello nazionale nell’ambito dello studio delle proprietà fisiche ed evolutive degli AGN, e siamo molto contenti di poterla ospitare qui a Milano" dice Paola Severgnini, Chair del Comitato Organizzatore e membro del Comitato Scientifico, ricercatrice dell'INAF-Osservatorio Astronomico di Brera.

Durante il congresso AGN13 verrà discusso lo stato attuale della ricerca nel campo degli AGN e si presenteranno i traguardi raggiunti, sia al punto di vista teorico che osservativo, nello studio della fisica, della distribuzione e dell'evoluzione degli AGN a partire dall'Universo locale fino all'epoca di formazione dei primi Buchi Neri Super-Massicci. Particolare attenzione verra’ data al ruolo degli AGN (The Beast) 
nell’evoluzione delle galassie (Beauty), da qui il titolo dato alla conferenza.  

Non mancherà la discussione sul futuro nel campo, con i progetti che coinvolgono la gran parte della comunità astronomica italiana. Particolare attenzione verrà data alla strumentazione astronomica di nuova generazione in cui l’Italia, e quindi la nostra comunità scientifica, risulta fortemente coinvolta anche dal  punto di vista tecnologico e costruttivo e che porterà importanti risultati nel campo dello studio delle proprietà degli AGN.

Una giornata intera del congresso sarà inoltre dedicata alle onde gravitazionali prodotte della coalescenza di due Buchi Neri e all’astronomia multi-messaggera, nuova frontiera astrofisica basata sull’osservazione e l'interpretazione coordinata di diversi tipi di segnali: radiazione elettromagnetica, onde gravitazionali, neutrini e raggi cosmici.

"La comunita' nazionale e' molto attiva in tutti questi settori come testimoniato 
dalla massiccia richiesta di partecipazione (circa 130 scienziati, da vari Enti ed Università) e dai contributi individuali e relazioni ad invito tenuti da esperti di fama internazionale sulle varie tematiche affrontate nel congresso" dice Gabriele Ghisellini, Chair del Comitato Scientifico del congresso e anche'egli in forza all'INAF-Osservatorio Astronomico di Brera.

Nell’ambito del Congresso, la sera del 9 ottobre, e' prevista una conferenza 
rivolta al pubblico, tenuta da Chiara Righi (INAF - OABrera; Univ. Insubria) dal titolo: “Neutrini al Bagno”.

La conferenza e’ patrocinata dal Comune di Milano e sponsorizzata da “Officina Stellare” (clicca qui per visualizzare la locandina dell'evento).

 

Maggiori dettagli sono disponibili nella pagina web del Congresso
archiviato sotto: ,

Altra misura della costante di Hubble

18/09/2019

Un gruppo internazionale guidato dall’Istituto Max Planck per l'astrofisica di Garching ha utilizzato due potenti sistemi di lenti gravitazionali per riuscire a stimare, grazie a 740 supernove, un valore della costante di Hubble pari a 82 +/- 8 chilometri al secondo per megaparsec, superiore a quella dedotta dal fondo cosmico a microonde. Tutti i dettagli su Science

Archi coronali da capo a piedi

18/09/2019

Un team di ricercatori guidato da Fabio Reale dell’Università e dell’Inaf di Palermo ha identificato alcune piccole regioni della cromosfera che brillano nella banda ultravioletta con i piedi di archi coronali, riscaldati a temperature fino a quasi 10 milioni di gradi e luminosi per qualche decina di minuti. Lo studio è pubblicato su ApJ

Le turbolente nubi del Serpente Cosmico

17/09/2019

Per la prima volta, un team internazionale guidato dall'Università di Ginevra è stato in grado di rilevare nubi molecolari in un progenitore della Via Lattea a circa 8 miliardi di anni luce, grazie a una risoluzione spaziale senza precedenti di 90 anni luce. Queste osservazioni mostrano che le nubi hanno una massa, una densità e una turbolenza interna superiori rispetto alle nubi ospitate nelle galassie vicine ed inoltre producono molte più stelle.