Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Al via il progetto ChETEC-INFRA

Al via il progetto ChETEC-INFRA

Il network si prefigge di facilitare la condivisione dei risultati ottenuti e delle metodologie utilizzate nella ricerca dei meccanismi responsabili della sintesi degli elementi chimici prodotti nella combustione stellare o in eventi cosmici estremi, aprendo così la strada a nuove scoperte
Al via il progetto ChETEC-INFRA

Crediti: Y. Beletsky/ESO

In Europa, la ricerca dei meccanismi responsabili della sintesi degli elementi chimici prodotti nella combustione stellare o in eventi cosmici estremi potrà da oggi avvalersi di una nuova risorsa: il progetto ChETEC-INFRA (Chemical Elements as Tracers of the Evolution of the Cosmos- Infrastructure), network che si prefigge di facilitare la condivisione dei risultati ottenuti e delle metodologie utilizzate in questo campo d’indagine, aprendo così la strada a nuove scoperte. Finanziata nell’ambito del programma Horizon 2020 con 5 milioni di euro per i prossimi quattro anni, la rete riunisce 32 istituzioni di 18 paesi europei e farà parte della più ampia comunità di astrofisica nucleare già composta dai gruppi di ricerca statunitensi, cinesi e giapponesi. Tra gli enti coinvolti anche molte università italiane, l’INFN e l’INAF, che contribuirà all’iniziativa con le proprie competenze nella misura di abbondanze chimiche nelle stelle e nella modellizzazione dell’arricchimento chimico della Galassia.

ChETEC-INFRA costituirà un network tra le tre diverse tipologie di infrastrutture su cui si basa l’indagine sull’origine dei nuclei atomici: i laboratori astro-nucleari, che forniscono dati di sezioni d’urto di reazioni nucleari; i supercomputer, che eseguono calcoli di struttura stellare e nucleosintesi; i telescopi e gli spettrometri di massa, che raccolgono dati sull'abbondanza di elementi ed isotopi.  Questi strumenti rendono infatti possibile osservare, simulare o riprodurre le condizioni che contraddistinguono gli eventi, come il Big bang o le esplosioni stellari, in cui si verifica – o si è verificata - la formazione degli elementi chimici. Grazie alla nuova rete, che unificherà l'accesso alle risorse per mezzo di un nuovo portale web integrato, sarà perciò possibile superare le barriere derivanti dalle differenze tra gli approcci metodologici utilizzati dall’astrofisica nucleare. All'interno di ChETEC-INFRA, i dati verranno inoltre archiviati e catalogati per la sostenibilità a lungo termine oltre la fine del progetto e per le loro fruibilità in Open-access.

All’interno di questo vasto progetto, il contributo dell’INAF sarà fondamentale nel produrre il più importante vincolo osservativo alle teorie di nucleosintesi stellare: la misura delle abbondanze chimiche negli spettri stellari. In questo ambito INAF ha un’ampia esperienza e riconosciuta internazionale, ricordiamo per esempio il recente ruolo svolto nella GAIA-ESO survey e nella ormai vicinissima survey WEAVE. All’Osservatorio INAF di Trieste lo studio di spettri stellari è uno dei nuclei trainanti della ricerca fin dai tempi di Margherita Hack e proprio qui si creerà la nuova pipeline di riduzione dati stellari. Essa servirà come punto di partenza per un’analisi omogenea degli spettri stellari e sarà resa disponibile open source e accessibile con interfaccia web.

archiviato sotto: ,

A caccia di materia oscura con due orologi

07/12/2022

Mentre l’accuratezza e la portabilità degli orologi atomici continuano a migliorare, tre scienziati hanno pensato di inviare due di questi orologi di precisione nelle zone più interne del Sistema solare, alla ricerca di materia oscura ultraleggera che ha proprietà ondulatorie che potrebbero influenzarne il funzionamento, e in particolare la differenza nel ticchettio degli stessi

Lungo ma con kilonova: è l’ornitorinco dei Grb

07/12/2022

Spariglia tutti i modelli, il lampo gamma targato Grb 211211A. È durato oltre un minuto, come i Grb che s’accompagnano alle supernove, ma là dove ha avuto origine c’è qualcosa che costringe a rimettere mano a molte teorie: una kilonova. «Nonostante i nomi simili, non potrebbero essere più diverse», dice a Media Inaf Eleonora Troja dell’’Università di Roma Tor Vergata, prima autrice di un articolo pubblicato oggi su Nature che riporta la scoperta

Sorprendenti lampi gamma ad alta energia

07/12/2022

La scoperta è stata realizzata dai ricercatori del Gssi osservando una lunga emissione di raggi gamma ad alta energia prodotta dallo scontro di due astri particolarmente densi che, ruotando uno attorno all’altro e fondendosi, inducono perturbazioni dello spazio-tempo e giganti flussi di materia ed energia. Si tratta di un’inattesa scoperta che apre nuove affascinanti prospettive nell’astronomia multi-messaggera