Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF CLUSTER2 a Napoli per gli ammassi di galassie

CLUSTER2 a Napoli per gli ammassi di galassie

Dal 10 al 13 settembre si è incontrata nel capoluogo campano la comunità italiana interessata e impegnata a lavorare su gruppi e ammassi di galassie
CLUSTER2 a Napoli per gli ammassi di galassie

Logo del meeting CLUSTER2 realizzato dallo studente di Fisica dell’Università Federico II Michele Starace, che ha vinto il contest lanciato dai prof. Giovanni Covone e Maurizio Paolillo, tra gli organizzatori del congresso

Si conclude oggi, presso il Complesso dei SS. Marcellino e Festo, nel cuore di Napoli, la quattro giorni dedicata agli ammassi e i gruppi di galassie. Lunedì, infatti, è cominciata la settimana dedicata al meeting CLUSTER2: il secondo incontro nazionale che, facendo seguito al primo svoltosi a Torino nel 2017, vede riunita la comunità italiana interessata e impegnata a lavorare su gruppi e ammassi di galassie, per condividere idee e discutere progetti comuni.

«Gli ammassi di galassie sono grandi laboratori astrofisici e “sonde” cosmologiche – spiega Amata Mercurio dell’INAF Osservatorio Astronomico di Capodimonte,  che si occupa di studiare questi giganti buoni – costituiti da migliaia di galassie, gas polvere e materia oscura, quest’ultima costituisce fino al 90% della loro massa totale. Lo studio e l’interpretazione delle proprietà fisiche delle componenti degli ammassi stessi, mediante le osservazioni a diverse lunghezze d’onda dal radio all’X dal  e le simulazioni numeriche, permette di comprendere la storia evolutiva e la fisica dell’universo».

Questa settimana ha avuto, quindi, lo scopo di mettere insieme i ricercatori della comunità nazionale per discutere di argomenti quali la  fisica del mezzo intra-ammasso e dei processi di “feedback”, l'importanza degli ammassi di galassie per gli studi cosmologici, le simulazioni numeriche, i modelli teorici, il lensing forte e debole, l’Effetto Sunyaev-Zeldovich; e osservazioni a più lunghezze d'onda dal radio ai raggi X.

«Occasioni come questa – ci spiegano Stefano Ettori dell’INAF, Osservatorio di astrofisica e scienza dello spazio di Bologna e Francesco Massaro dell’Università degli Studi di Torino, tra i promotori di questa iniziativa - sono cruciali per condividere idee sulle questioni fondamentali che queste attività di ricerca mirano a risolvere e che sentiamo più urgenti, oltre a dare una panoramica di come la comunità italiana sia coinvolta in importanti collaborazioni internazionali.».

«E, durante il congresso, ampio spazio è stato dedicato alla discussione aperta – aggiunge Giovanni Covone dell’Università Federico II di Napoli – sulle domande chiave che possono essere affrontate nel prossimo futuro su ammassi e gruppi di galassie».

Una settimana scientificamente ricca, quindi, questa dedicata alla comunità italiana, coordinata dal comitato di organizzazione scientifico costituito da: Annalisa Bonafede (Uni-Bo), Giovanni Covone (Uni-Na), Gabriella De Lucia (INAF-OATs), Stefano Ettori (INAF-OASBo), Fabio Gastaldello (INAF-IASF-Mi), Marisa Girardi (Uni-Ts), Federica Govoni (INAF-OACa), Angela Iovino (INAF-OABrera), Francesco Massaro (Uni-To), Pasquale Mazzotta (Uni-Rm), Massimo Meneghetti (INAF-OASBo), Amata Mercurio (INAF-OACN), Bianca Poggianti (INAF-OAPd), Mario Radovich (INAF-OAPd), Elena Rasia (INAF-OATs), Paolo Tozzi (INAF-OAA), e sostenuta anche dal contributo finanziario dell’INAF, oltre che dell’Università Federico II di Napoli e del suo dipartimento di Fisica “E. Pancini”.

archiviato sotto: ,

Mondi abitabili attorno a stelle morte? Lo dirà Jwst

18/09/2020

Pianeti di seconda generazione in orbita attorno a una nana bianca – il prodotto finale della vita di una stella come il Sole – rappresentano una promettente opportunità per determinare se la vita possa sopravvivere o generarsi in seguito alla morte della loro stella. Simulazioni condotte alla Cornell University stabiliscono la fattibilità di identificare tracce biologiche nelle atmosfere di questi pianeti usando il telescopio spaziale James Webb

Origine vulcanica per le antiche rocce di Venere

18/09/2020

Un team internazionale di ricercatori ha scoperto che le famose tessere di Venere presentano una stratificazione che sembra coerente con un’origine vulcanica. La scoperta potrebbe fornire approfondimenti sulla storia geologica dell’enigmatico pianeta. Tutti i dettagli su Geology

Giove ed Europa in un ritratto mitico

18/09/2020

Il telescopio spaziale Hubble ha immortalato una scena che rievoca il mito narrato da Ovidio nelle Metamorfosi: Giove e la sua luna Europa. La visione nitida di Hubble fornisce ai ricercatori un bollettino meteorologico aggiornato sull’atmosfera turbolenta del pianeta