Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Aniello Grado nominato co-chair del sistema vacuum pipe dell’Einstein Telescope

Aniello Grado nominato co-chair del sistema vacuum pipe dell’Einstein Telescope

Aniello Grado, ricercatore INAF e INFN è stato nominato co-chair del sistema vacuum pipe dell'Einstein Telescope (ET) insieme a Paolo Chiggiato, responsabile della divisione vuoto del CERN, e al Prof. Nick van Remortel dell'Universita' di Anversa

Aniello Grado, ricercatore astronomo presso l'INAF Osservatorio Astronomico di Capodimonte e ricercatore all'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), è stato nominato co-chair del sistema vacuum pipe dell'Einstein Telescope (ET) insieme a Paolo Chiggiato, responsabile della divisione vuoto del CERN, e al Prof. Nick van Remortel dell'Universita' di Anversa. Il gruppo dovrà occuparsi della realizzazione del sistema da vuoto di ET costituito da tubi con diametro di un metro e lunghezza di 120 km che dovranno operare in ultra alto vuoto alla pressione di 10-10 mbar. Dopo le infrastrutture sotterranee, che prevedono la realizzazione di 30 km di gallerie alla profondità di 200 metri, è il sistema più costoso di ET con una stima del costo che si aggira sui 560 milioni di euro.

"E' un onore aver ricevuto questo incarico e rappresentare l'INAF e l'INFN in questo prestigioso progetto" commenta Aniello Grado. "Realizzare la più grande infrastruttura in ultra alto vuoto mai concepita dall'uomo è una grande sfida tecnologica ed organizzativa e subito ci metteremo al lavoro per definire il team di progetto ed il piano di azione che richiederà nella fase iniziale un intenso lavoro di ricerca e sviluppo", conclude Grado.

Aniello Grado è inoltre membro dell’Einstein Telescope Steering Committee a cui partecipa per l’Istituto Nazionale di Astrofisica anche Enzo Brocato.

archiviato sotto: ,

Galassia satellite? No, sono solo di passaggio

26/11/2021

Molte delle galassie che “orbitano” intorno alla Via Lattea non sono satelliti, ma solo di passaggio e, forse, non rimarranno mai intrappolate nel campo gravitazionale della nostra galassia. A rivelarlo, le precisissime misure di velocità del telescopio spaziale Gaia

L’onda d’urto dell’uomo che corre

26/11/2021

Il telescopio spaziale Hubble ha ripreso questa immagine di HH 45. Questo oggetto si trova nella nebulosa Ngc 1977 che fa parte della nebulosa Uomo che corre, o Running Man Nebula. Hubble ha osservato questa regione per cercare getti stellari e dischi di formazione planetaria attorno a giovani stelle ed esaminare come il loro ambiente influisce sull'evoluzione dei dischi stessi

Così esplode una luminosa variabile blu

26/11/2021

Quali processi portano le stelle “variabili S Doradus” (Lbv, in inglese) a esplodere come supernove? Attraversano o meno la fase di stelle di Wolf-Rayet? Per indagare il fenomeno, un team di astronomi guidato da Sabina Ustamujic dell’Inaf di Palermo ha messo a punto un modello idrodinamico tridimensionale che segue l’evoluzione del materiale espulso dall’esplosione di una supernova prodotta dal collasso del nucleo di una stella Lbv