Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Antonio Stamerra è il nuovo Co-Spokesperson di MAGIC

Antonio Stamerra è il nuovo Co-Spokesperson di MAGIC

Il ricercatore dell'INAF è stato eletto lo scorso venerdì quale Co-Spokesperson della Collaborazione Internazionale MAGIC (Major Atmospheric Gamma-ray Imaging Cherenkov)
Antonio Stamerra è il nuovo Co-Spokesperson di MAGIC

Antonio Stamerra

Antonio Stamerra, ricercatore dell’INAF-Osservatorio Astronomico di Roma, è stato eletto lo scorso venerdì Co-Spokesperson della Collaborazione Internazionale MAGIC (Major Atmospheric Gamma-ray Imaging Cherenkov). Antonio Stamerra si occupa di sorgenti astrofisiche che emettono radiazione gamma ad altissima energia, attraverso le osservazioni con telescopi Cherenkov, fin dalla sua tesi di laurea a Pisa che nella tesi di dottorato all'Università di Torino. Antonio è entrato a far parte della collaborazione MAGIC nel 2001. In MAGIC ha coordinato le attività del gruppo di studio su AGN e blazar e diverse proposte osservative con osservazioni in multifrequenza con altri osservatori. Dal 2016 segue un progetto per la ricerca delle controparti elettromagnetiche ad alta energia associate a onde gravitazionali. Partecipa alle attività INAF per la realizzazione del futuro osservatorio per raggi gamma, il Cherenkov Telescope Array, dove contribuisce anche attraverso ASTRI, il progetto INAF dedicato alla costruzione di una parte di telescopi per CTA.

La collaborazione MAGIC ha realizzato ed opera da 15 anni l’omonimo esperimento situato a 2230 metri sul livello del mare, presso l’Osservatorio del Roque de Los Muchachos, a La Palma, nelle Isole Canarie. L’esperimento MAGIC non è un telescopio ottico come gli altri presenti nello stesso osservatorio bensì un IACT, acronimo per Imaging Atmospheric Cherenkov Telescope. Il suo scopo è studiare il cielo nella banda dei raggi gamma di altissima energia. Questa radiazione ultra-energetica non è però in grado di raggiungere il suolo perché viene assorbita dalla nostra atmosfera producendo una cascata di particelle secondarie: altri fotoni e coppie elettrone-positrone. Quando queste ultime particelle, dotate di carica elettrica, si propagano attraverso l’atmosfera ad una velocità superiore a quella della luce nell'aria, generano un breve (pochi nanosecondi) lampo di luce bluastra. I due giganteschi “occhi” di MAGIC da ben 17 metri di diametro sono in grado di raccogliere proprio questo debolissimo lampo di luce (dettta luce Cherenkov) dal quale è possibile ricostruire le caratteristiche della radiazione gamma originaria: principalmente, la direzione di provenienza e l’energia.

I risultati raggiunti in 15 anni di attività pone MAGIC tra le più vivaci e promettenti realtà nel campo dell'astrofisica delle alte energie. Gli obiettivi scientifici di MAGIC abbracciano una vasta gamma di argomenti, a partire dallo studio dell'emissione di altissima energia dai Nuclei Galattici Attivi, dove MAGIC ha all’attivo l’osservazione delle più distanti sorgenti che emettono alle altissime energie e ne ha ricavato importanti risultati per lo studio del fondo cosmico, tema fondamentale interesse cosmologico. In ambito galattico, ha permesso cruciali osservazioni dell'emissione gamma nelle pulsar (come l'osservazione ad altissime energie della pulsazione dalla Crab Pulsar) e nei resti di supernova (SNR). Non mancano poi obiettivi più ambiziosi ed esotici come lo studio degli enigmatici lampi di luce gamma (GRB), dove MAGIC può sfruttare le sue uniche peculiarità costruttive che gli permettono di ripuntare qualunque posizione in cielo nel giro di poche decine di secondi e una banda energetica estesa a basse energie fino a poche decine di GeV, fino alle ricerche  di fisica fondamentale (come ad esempio lo studio sulla possibile violazione dell’invarianza di Lorentz) e sui costituenti della materia oscura.

MAGIC è stato costruito da una collaborazione in gran parte europea che comprende circa 160 ricercatori provenienti da Germania, Spagna, Italia, Svizzera, Polonia, Finlandia, Bulgaria, Croazia, India e Giappone. L’Italia partecipa a MAGIC attraverso l’INAF e l’INFN insieme alle Università di Padova, Udine e Siena.

archiviato sotto:

SpaceX in rampa di lancio per una missione epocale

25/05/2020

Il lancio della missione Demo-2 della Nasa è previsto per le 22:32 (ora italiana) di mercoledì 27 maggio, quando i due astronauti americani Robert Behnken e Douglas Hurley lasceranno la Terra a bordo della Crew Dragon di SpaceX, in direzione della Stazione spaziale internazionale. Sarà la prima missione con equipaggio affidata a una compagnia privata

Così la galassia del Sagittario plasmò la Via Lattea

25/05/2020

Un team internazionale di ricerca, composto da scienziati dell’Istituto di astrofisica delle Canarie e di cui fa parte anche Santi Cassisi dell’Inaf, ha realizzato uno studio che mostra prove inconfutabili del ruolo cruciale avuto dalla galassia nana Sagittario nel processo di evoluzione della Via Lattea. Lo studio, realizzato grazie ai dati della missione spaziale Gaia dell’Agenzia spaziale europea, è stato pubblicato oggi su Nature Astronomy, e sembrerebbe indicare che uno degli eventi di formazione stellare associati alle interazioni tra la galassia del Sagittario e la nostra galassia potrebbe aver dato origine allo stesso Sole

Viaggio all’origine delle lune dei giganti

25/05/2020

Uno studio pubblicato la settimana scorsa su ApJ propone un nuovo modello di formazione per i satelliti dei pianeti giganti. Il modello analitico si fonda sul bilanciamento di due forze opposte che sarebbe in grado di intrappolare la polvere e farla accumulare nel disco circumplanetario, e deriverebbe in modo naturale la formazione del sistema di satelliti gioviano. Media Inaf ha intervistato uno dei due autori, Alessandro Morbidelli dell’Observatoire de la Côte d’Azur