Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Il bando del premio Livio Gratton

Il bando del premio Livio Gratton

l'Associazione "Eta Carinae", in collaborazione con l’Associazione Tuscolana di Astronomia, con il contributo del Comune di Frascati, e della famiglia Gratton, ed il patrocinio dell’Istituto Nazionale di Astrofisica bandisce un concorso per un premio da assegnare all'autore della tesi più meritevole di Dottorato di Ricerca in Astronomia o Astrofisica dedicata al prof. Livio Gratton

Per onorare la memoria del prof. Livio Gratton, vicepresidente dell'Unione Astronomica Internazionale, accademico Linceo e professore ordinario di Astrofisica presso l'Università "La Sapienza" di Roma, l'Associazione "Eta Carinae", in collaborazione con l’Associazione Tuscolana di Astronomia, con il contributo del Comune di Frascati, e della famiglia Gratton, ed il patrocinio dell’Istituto Nazionale di Astrofisica bandisce un concorso per un premio da assegnare all'autore della tesi più meritevole di Dottorato di Ricerca in Astronomia o Astrofisica presentata in Italia negli anni accademici 2010/2011 e 2011/2012. Tale tesi deve rappresentare un contributo rilevante al progresso delle conoscenze astronomiche. L'entità del premio è stabilita in 7.500 €.

Possono concorrere al Premio cittadini italiani o stranieri che abbiano presentato la tesi di dottorato di ricerca in Astronomia, Astrofisica o Fisica (con una tesi di indirizzo astrofisico) presso una Università italiana o la Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati di Trieste nel periodo di tempo dal 1/1/2011 al 31/12/2012 (cicli XXIV e XXV).

Domanda di partecipazione al concorso (via posta elettronica) deve essere presentata da un membro del pertinente Collegio dei Docenti (di norma il relatore della Tesi) entro il 15/03/2013 all'Associazione Eta Carinae, presso Raffaele Gratton, Osservatorio Astronomico di Padova, e-mail raffaele.gratton@oapd.inaf.it (tutti i file previsti devono essere inviati come allegati ad un unico e-mail in formato PDF, oppure concordare le modalità).

Nella domanda devono essere indicati nome, cognome, indirizzo, status professionale e Istituto di appartenenza del docente presentatore; nome, cognome, indirizzo del candidato e indicazione dell'Istituto presso il quale è stata svolta la tesi di Dottorato; titolo della tesi e anno accademico in cui viene concluso il corso di dottorato.

Alla domanda di partecipazione devono essere acclusi:

  1. Una lettera (in lingua inglese) scritta dal relatore della tesi, in cui viene presentata la figura scientifica del candidato e descritta la motivazione della tesi, vengano specificati i risultati conseguiti e/o i metodi originali utilizzati, e indicato in modo chiaro il contributo del concorrente, distinguendolo da quello del relatore o di terzi;
  2. Copia della tesi;
  3. Un estratto della tesi in lingua inglese, corredato da figure e tabelle che ne illustrino gli aspetti più rilevanti, e/o articoli dell'autore della tesi pubblicati o accettati per la pubblicazione, sempre in lingua inglese, con lo stesso contenuto;
  4. Il curriculum vitae del candidato in lingua inglese;
  5. L'elenco delle pubblicazioni del candidato.

L'assegnazione del Premio sarà fatta in base al giudizio insindacabile di una Commissione giudicatrice nominata dal Consiglio di Amministrazione dell'Associazione "Eta Carinae", composta da esperti operanti in istituzioni non italiane.

Sarà cura della Commissione stilare una motivazione dell'assegnazione del Premio, che verrà inviata al candidato vincitore e resa pubblica in occasione della cerimonia di assegnazione.

Presidente dell'Associazione ETA CARINAE
Prof. Carlo Bernardini

Per informazioni:

  • Dott. Raffaele Gratton: Osservatorio Astronomico di Padova
    vicolo dell'Osservatorio 5, 35122 Padova
    tel. 049/8293442, e-mail raffaele.gratton@oapd.inaf.it
  • Associazione Eta Carinae: via Colle delle Ginestre 8, 00046 Grottaferrata
    tel. 06/94546479, e-mail g.gratton@alice.it

Se il quasar ha i bassi un po’ attenuati

18/03/2019

Un team internazionale di astrofisici ha scoperto che il getto di un quasar, a grandi lunghezze d’onda, è meno potente del previsto. Il risultato, pubblicato su The Astrophysical Journal, rappresenta un passo avanti nella comprensione dei processi all’origine dei jet emessi da questi mostri cosmici

La vorticosa danza della baby stella binaria

18/03/2019

Per la prima volta è stata osservata “in tempo reale” la nascita di un sistema binario con con stelle di grande massa. Allo studio, pubblicato oggi sulla rivista Nature Astronomy, ha partecipato anche Maria Teresa Beltrán, ricercatrice dell’Istituto nazionale di astrofisica a Firenze

Gaia confusa dai getti degli Agn

15/03/2019

Da un confronto tra i dati di Gaia e quelli dei radiotelescopi è emerso un errore sistematico nelle misure fatte dal telescopio spaziale Esa circa le coordinate di un'intera classe di oggetti celesti, i nuclei galattici attivi. Le mappe spaziali più accurate sono quelle che si basano su osservazioni orbitali corrette con quelle dei radiotelescopi terrestri. Tutti i dettagli su ApJ