Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Assegnato il premio Livio Gratton XIII edizione

Assegnato il premio Livio Gratton XIII edizione

Il vincitore dell'edizione 2017 del premio è Fabio Pacucci. La cerimonia di consegna avrà luogo a Frascati il 30 settembre prossimo

Il premio Livio Gratton, giunto alla tredicesima edizione, è un premio biennale conferito dall’Associazione Eta Carinae in collaborazione con l’Associazione Tuscolana di Astronomia “Livio Gratton” e l’Associazione Frascati Scienza, con il patrocinio del Comune di Frascati, e di INAF (Istituto Nazionale di Astrofisica) e con il contributo della famiglia Gratton. Esso viene assegnato da una giuria internazionale alla più meritevole tesi di Dottorato di Ricerca in Astronomia o Astrofisica realizzata nell’ultimo biennio in un istituto di ricerca italiano.

Il premio, quest’anno di cinquemila euro, è attualmente l’unico del genere dedicato all’Astronomia in Italia. È stato concepito non solo come evento commemorativo, ma anche come contributo alla creazione di istituzioni culturali permanenti, volte a connotare e qualificare il territorio dei Castelli Romani. Il premio si propone di facilitare l’inserimento di giovani scienziati nelle strutture di ricerca nazionali con l’intenzione di aiutare a combattere la “fuga dei cervelli”. A tale proposito va segnalato che molti dei premiati hanno trovato collocazione in Italia e oggi possiamo dire con grande orgoglio, che essi stanno contribuendo al successo dell’astronomia italiana nel mondo con una brillante carriera.

A questa edizione partecipavano giovani ricercatori che hanno completato il loro dottorato nel biennio 2015-2016.

La giuria internazionale del Premio Livio Gratton XIII edizione, composta da Gianfranco De Zotti (INAF-Osservatorio Astronomico di Padova), Laura Ferrarese (National Research Council of Canada) e Nikolas Prantzos (CNRS, Institut d'Astrophysique de Paris), esaminata accuratamente la documentazione presentata dai 25 candidati, è stata impressionata dal livello delle tesi di dottorato ciascuna delle quali presenta lavoro originale di alta qualità. La giuria ha inoltre constatato la grande varietà di tematiche coperte dalle tesi, cosa che ha reso difficile definire dei criteri di valutazione assolutamente obiettivi.

Nonostante tale difficoltà, tenendo conto di vari criteri, la giuria ha concluso che, fra i numerosi candidati eccellenti, il dott. Fabio Pacucci emergeva su tutti e lo ha designato quindi, all’unanimità, come vincitore del premio Livio Gratton 2017.

Al vincitore, come è ormai tradizione fin dalla prima edizione del premio, verrà inoltre consegnata una pergamena del Maestro Gianfranco Cresciani.

La cerimonia di consegna del premio avrà luogo presso l’Auditorium delle Scuderie Aldobrandini del Comune di Frascati la sera del 30 settembre p. v., alle ore 17.00 e sarà seguita da una conferenza pubblica.

archiviato sotto: ,

Perseverance porterà 11 milioni di nomi su Marte

27/03/2020

Per ora l’agenda della missione non ha subito rallentamenti a causa della pandemia in corso. Il lancio è ancora previsto per questa estate. Come è già accaduto con InSight, la missione Mars 2020 dà molta importanza agli appassionati di Marte e porterà con sé 3 microchip con ben 10,9 milioni di nomi

Variabili cataclismiche come farfalle nello spazio

27/03/2020

Un nuovo studio basato su massicce simulazioni al computer supporta le previsioni di 35 anni fa sulle binarie cataclismiche, proponendo una teoria unificata per queste stelle e mostrando che le nove osservabili sono solo la punta dell'iceberg. Tutti i dettagli su Nature Astronomy

Fuga dal pianeta rovesciato

27/03/2020

In un recente studio pubblicato su Geophysical Research Letters i ricercatori hanno scoperto che, al momento del flyby del Voyager 2 avvenuto il 24 gennaio 1986, nella coda della magnetosfera di Urano c'era un plasmoide – formato in gran parte da idrogeno ionizzato – in fuga dal pianeta. Si tratta della prima rilevazione di un plasmoide nella magnetosfera di un gigante ghiacciato e rappresenta, per Urano, un importante meccanismo per la perdita dell'atmosfera