Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF ASTRI: il nuovo apripista degli array di telescopi Cherenkov

ASTRI: il nuovo apripista degli array di telescopi Cherenkov

Firmata il 12 giugno 2019 dal Presidente dell’INAF Prof. Nichi D’Amico e dal Direttore dell’Instituto de Astrofisica de Canarias Prof. Rafael Rebolo Lopez, una memoria per avviare le negoziazioni su base tecnico-programmatica di una installazione dell’ASTRI MINI-Array presso l’Osservatorio del Teide
ASTRI: il nuovo apripista degli array di telescopi Cherenkov

Il Presidente dell'Inaf Nichi D'Amico (a sinistra) con il Direttore dell’Instituto de Astrofisica de Canarias Prof. Rafael Rebolo Lopez dopo la sigla della memoria

Firmata il 12 giugno 2019 a La Laguna (Tenerife, Spagna) dal Presidente dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Prof. Nichi D’Amico e dal Direttore dell’Instituto de Astrofisica de Canarias Prof. Rafael Rebolo Lopez, una memoria per avviare le negoziazioni su base tecnico-programmatica di una installazione dell’ASTRI MINI-Array presso l’Osservatorio del Teide.

Si tratta di una importante tappa per la collaborazione ASTRI, che include oltre all’INAF, la Universidade de Sao Paulo in Brasile e la North-Western University in Sudafrica ed oggi vede aggiungersi il prestigioso Istituto di Astronomia Spagnolo.

ASTRI (Astrofisica con Specchi a Tecnologia Replicante Italiana) è nato nel 2011 come Progetto Bandiera finanziato dal MIUR per la messa a punto di una tecnologia innovativa end-to-end dedicata alla realizzazione di telescopi ad imaging Cherenkov per le alte energie. Il progetto è stato ulteriormente finanziato nel 2015 per ingegnerizzare e costruire una collezione di un numero significativo di telescopi (poi determinato in 9) da operare come array. Questa opzione, già prevista nel Progetto Bandiera originale e denominata “ASTRI-MINI Array”, è ormai matura per essere finalizzata, installata in un sito opportuno, e lanciata verso una “early science” di avanguardia utilizzando la tecnica degli array di telescopi Cherenkov.

 

 

Il primo prototipo ASTRI è stato installato presso l’Osservatorio di Serra la Nave in Sicilia ed è stato inaugurato il 24 settembre del 2014. Successivamente dedicato a Guido Horn d’Arturo, astronomo italiano primo a proporre gli specchi segmentati, ASTRI-Horn ha osservato tra il dicembre 2018 ed il gennaio 2019 l’emissione gamma proveniente dalla Nebulosa del Granchio, affermandosi come il primo telescopio Cherenkov al mondo, nella configurazione a due specchi, a produrre una reale osservazione astronomica.

Nuove strutture meccaniche perfezionate sono già in ordine presso l’industria italiana, mentre è recentissima la notizia della aggiudicazione ad Hamamatsu Italia s.r.l. della produzione dei fotomoltiplicatori al silicio per i piani focali delle camere che andranno ad equipaggiare l’ASTRI Mini Array, un totale di più di venticinquemila pixel.

L’accordo firmato avvia le ricognizioni tecniche propedeutiche alla installazione a breve termine dell’ASTRI Mini Array nel sito dell’Osservatorio del Teide.

archiviato sotto: ,

La ragazza che amava “contare”

25/02/2020

Riccardo Giacconi (1931-2018). Fonte: Nobel Foundation archiveÈ morta ieri, all'età di 101 anni, la scienziata Katherine Johnson. La sua eredità include contributi che hanno permesso alla Nasa l’ingresso nella corsa allo spazio e la conquista della Luna

Dal Polo nord all’Africa, per studiare altri mondi

25/02/2020

Il progetto da 10 milioni di euro per garantire l’accesso alla più grande collezione al mondo di strutture per simulazioni e analisi planetarie, nonché una rete globale di piccoli telescopi, servizi dati e supporto alla comunità scientifica vede coinvolto anche l'Inaf con i suoi ricercatori, distribuiti su diverse sedi

Viaggio al centro di Marte

25/02/2020

Utilizzando rocce marziane e rilievi satellitari, due scienziati della Tohoku University hanno sviluppato un modello che descrive la struttura interna del Pianeta rosso, in base al quale la profondità del confine tra mantello e nucleo si trova a circa 1800 chilometri sotto la superficie. In accordo con tale modello, il nucleo dovrebbe contenere moderate quantità di zolfo, ossigeno e idrogeno