Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Avviso di selezione per allestimento del sito web del Comitato nazionale per le celebrazioni del bicentenario della nascita di Angelo Secchi

Avviso di selezione per allestimento del sito web del Comitato nazionale per le celebrazioni del bicentenario della nascita di Angelo Secchi

La scadenza è fissata all'8 maggio 2018

È indetta dal Comitato Nazionale per le celebrazioni del bicentenario della nascita di Angelo Secchi nominato con Decreto Ministeriale n. 570 del 20.12.2017, con sede presso l’Accademia Nazionale delle Scienze detta dei XL in Roma una selezione per il conferimento di n. 1 incarico per la realizzazione ex-novo del Sito Internet del COMITATO NAZIONALE DELLE CELEBRAZIONI PER IL BICENTENARIO DI ANGELO SECCHI SJ

La scadenza è fissata all'8 maggio 2018.

Consulta il bando integrale (formato pdf)

archiviato sotto:

Il pianeta più caldo conosciuto

14/06/2019

La combinazione di osservazioni fatte con lo spettrografo Carmenes al telescopio di 3.5 metri dell'Osservatorio di Calar Alto e lo spettrografo Harps-N al Telescopio nazionale Galileo ha permesso di rivelare nuovi dettagli su un pianeta extrasolare ultra caldo. La sua temperatura superficiale supera i 2000 gradi e rappresenta il pianeta più caldo conosciuto

Vesta ha una cicatrice primordiale

14/06/2019

Un gruppo internazionale di ricerca a guida giapponese ha scoperto che la storia evolutiva dell'asteroide Vesta è stata profondamente influenzata da una massiccia collisione. Nello studio, pubblicato su Nature Geoscience, il team individua l'epoca esatta in cui l'impatto - che aiuta a spiegare la forma irregolare dell'asteroide - è avvenuto: 4525 milioni di anni fa, non molto dopo la formazione della crosta

Incidente galattico per la Via Lattea

14/06/2019

Un gruppo di scienziati sostiene che la collisione della galassia nana Antlia 2 con la Via Lattea sia responsabile delle increspature che la nostra galassia presenta nella parte esterna del suo disco. Le prove sono nella seconda release dei dati di Gaia e i ricercatori coinvolti nella scoperta avevano previsto l’esistenza della galassia coinvolta nello scontro dieci anni fa