Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Avviso pubblico di disponibilità della posizione di Direttore dell'Osservatorio Astronomico di Cagliari

Avviso pubblico di disponibilità della posizione di Direttore dell'Osservatorio Astronomico di Cagliari

E' disponibile su questo sito web il Decreto del Presidente n. 04/2017 con il quale è stato emanato l'Avviso pubblico di selezione del Direttore dell'Osservatorio Astronomico di Cagliari dell'Istituto Nazionale di Astrofisica. Il termine per trasmettere le manifestazioni di interesse è fissato al 1° marzo 2017

E' disponibile su questo sito web il Decreto del Presidente n. 04/2017 del 19 gennaio 2017 avente in oggetto "indizione della procedura di selezione per la nomina del Direttore dell'Osservatorio Astronomico di Cagliari, ai sensi dell'art. 18 dello Statuto dell'Istituto Nazionale di Astrofisica".

Il termine per trasmettere le manifestazioni di interesse è fissato al 1° marzo 2017.

Per maggiori informazioni, consultare il Decreto n. 04/2017.

Trovata la massa mancante. Di nuovo

19/02/2019

Un nuovo studio per una scoperta non così nuova: l’individuazione della materia barionica “mancante”. Trovata ora da un team guidato da Orsolya Kovacs del CfA di Harvard, ma in realtà già individuata da Fabrizio Nicastro dell’Inaf di Roma e colleghi l’anno scorso

Galassie mai viste nella nuova mappa di Lofar

19/02/2019

Una serie di 25 articoli pubblicati su Astronomy & Astrophysics, molti dei quali firmati anche da ricercatrici e ricercatori dell’Inaf e dell’Università di Bologna, getta nuova luce su molte aree di ricerca, fra le quali la fisica dei buchi neri e lo studio dell’evoluzione degli ammassi di galassie

Quelle rughe sul collo della cometa di Rosetta

18/02/2019

Faglie profonde solcano la superficie della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko. Faglie originate da deformazioni meccaniche. Un articolo pubblicato oggi su Nature Geoscience, firmato tra gli altri da ricercatori dell’Istituto nazionale di astrofisica e dell’Università di Padova, le analizza a un livello di dettaglio mai raggiunto prima