Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Bando competitivo per il supporto allo sviluppo dei principali main-streams dell'INAF

Bando competitivo per il supporto allo sviluppo dei principali main-streams dell'INAF

Le domande di partecipazione alla Call entro il 15 settembre 2018

Si rende noto che, con Decreto del Presidente del 31 luglio 2018, numero 43, è stato emesso il "Bando competitivo per il supporto allo sviluppo dei principali main-streams dell'Istituto Nazionale di Astrofisica" denominato "Call per interventi aggiuntivi a sostegno della ricerca di main stream di INAF".

L'importo complessivo a disposizione dell'iniziativa è di 1 milione di euro e la dimensione massima di ciascun intervento è fissata in euro 75 mila.

Le domande di partecipazione, da redigersi secondo il modello di cui all'Allegato B al predetto Decreto Presidenziale n. 43/2018, dovranno essere inviate entro e non oltre il 15 settembre 2018.

Per maggiori informazioni, consultate il Decreto del Presidente n. 43/2018.

archiviato sotto: ,

Nano-satelliti a caccia di esplosioni cosmiche

11/12/2018

Piccoli, economici ma capaci di captare con tempestività e precisione su tutta la volta celeste i segnali in banda X prodotti da lampi di raggi gamma, potentissime esplosioni cosmiche. Sono i nano-satelliti del progetto Hermes

Bennu, c’è acqua nelle sue rocce

11/12/2018

Le indagini spettroscopiche condotte sui dati di Osiris-Rex rivelano la presenza di molecole d'acqua nei minerali che si trovano sulla superficie dell'asteroide Bennu: si tratta di silicati idrati, materiali antichissimi, originati nella nebulosa protosolare da cui si sono formati i corpi che popolano il Sistema solare, che contengono acqua nella loro struttura cristallina. Il commento di John Brucato (Inaf)

Voyager 2: bye bye Sistema solare

11/12/2018

Anche Voyager 2, la sonda lanciatda dalla Nasa nel 1977, ha ufficialmente varcato i limiti estremi del nostro sistema planetario e continua il suo viaggio nello spazio interstellare. Per i ricercatori del Jpl in California che analizzano i dati che provengono dagli strumenti del veicolo spaziale, l'uscita si è verificata il 5 novembre scorso