Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Bando competitivo per il supporto allo sviluppo dei principali main-streams dell'INAF

Bando competitivo per il supporto allo sviluppo dei principali main-streams dell'INAF

Le domande di partecipazione alla Call entro il 15 settembre 2018

Si rende noto che, con Decreto del Presidente del 31 luglio 2018, numero 43, è stato emesso il "Bando competitivo per il supporto allo sviluppo dei principali main-streams dell'Istituto Nazionale di Astrofisica" denominato "Call per interventi aggiuntivi a sostegno della ricerca di main stream di INAF".

L'importo complessivo a disposizione dell'iniziativa è di 1 milione di euro e la dimensione massima di ciascun intervento è fissata in euro 75 mila.

Le domande di partecipazione, da redigersi secondo il modello di cui all'Allegato B al predetto Decreto Presidenziale n. 43/2018, dovranno essere inviate entro e non oltre il 15 settembre 2018.

Per maggiori informazioni, consultate il Decreto del Presidente n. 43/2018.

archiviato sotto: ,

Ferro e titanio: l’atmosfera infernale di Kelt-9b

15/08/2018

In orbita stetta attorno a una stella a 650 anni luce da noi, il gigante gassoso ha una temperatura elevatissima: oltre 4000 gradi. La rilevazione dei metalli è avvenuta grazie allo strumento Harps-N del Tng. Fra gli autori dello studio, pubblicato oggi su Nature, c’è anche Emilio Molinari, direttore dell’Inaf di Cagliari

Lampo gamma, io t’incastrerò

14/08/2018

Inauguriamo con quest’intervista a Lorenzo Amati, principal investigator di Theseus, uno speciale in tre puntate dedicato alle missioni – Theseus, appunto, Spica ed EnVision – in corsa per la selezione M5 dell’Esa, l’Agenzia spaziale europea

Corri, protone, corri

13/08/2018

I protoni presenti nei nuclei degli atomi più pesanti sembrano avere in media più “vigore” dei neutroni, e questo proprio per il fatto di essere in minoranza. Fenomeno che dovrebbe dunque presentarsi ancora più marcato nelle stelle di neutroni. Lo studio oggi su Nature