Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Bando di concorso relativo al XXXII ciclo di dottorato in Astrofisica

Bando di concorso relativo al XXXII ciclo di dottorato in Astrofisica

E' stato pubblicato il bando di concorso relativo al XXXII ciclo di dottorato in Astrofisica presso l'Università di Bologna, in convenzione con l'Istituto Nazionale di Astrofisica

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 19/04/2016 il bando di concorso relativo al XXXII ciclo di dottorato in Astrofisica presso l'Università di Bologna, in convenzione con l'Istituto Nazionale di Astrofisica.

Il bando prevede 7 posti di cui:

- 3 con borsa UNIBO a tema libero

- 3 con borsa INAF a tema vincolato da scegliere tra le seguenti 5 tematiche:

(1) Dynamical, chemical and ionization properties of Active Local Galaxies (Supervisore: F. Mannucci)

(2)The Lockman Hole Project: a panchromatic view of AGN populations (Supervisore: I. Prandoni)

(3) Understanding the formation of the first black holes: deep observations of the most distant QSOs (Supervisore: R. Gilli)

(4) Probing massive outflows in lensed and non-lensed high-z QSOs (Supervisore: M. Cappi)

(5)Tomography and radio emission in CLASH Clusters and Frontier Fields (Supervisore: M. Nonino)

- 1 senza borsa


La scadenza e' fissata per le ore 13 del 18 maggio 2016.

Il bando completo e' reperibile alla pagina: http://www.unibo.it/it/didattica/dottorati/2016-2017/astrofisica

archiviato sotto: ,

Stesse stelle, stesso ciclo?

22/09/2017

Ben poco si sa sulla periodicità dell’attività coronale delle stelle, osservabile ai raggi X: mancano infatti osservazioni di stelle a lungo termine in banda X. Ma c'è un'eccezione: il monitoraggio, lungo ben 15 anni, della stella HD 81809, realizzato con XMM/Newton

Eruzione solare “fotobomba” la cometa

22/09/2017

La “fotografia” che vale una vita… e proprio in quel momento qualcuno si mette in mezzo: tre anni fa, una bolla di plasma solare ha disturbato l’irripetibile osservazione del passaggio di una cometa vicinissima a Marte. Ma c’è qualcosa da imparare anche da questo, come dimostra un nuovo studio presentato al Congresso europeo di scienze planetarie, in corso a Riga

L’Esa punta in alto: l’obiettivo è la Luna

22/09/2017

Il futuro è il nostro satellite naturale, che dopo anni di esplorazioni nasconde ancora molti misteri. La Luna potrebbe essere usata come un trampolino di lancio verso il futuro dell'esplorazione dello spazio profondo, magari con equipaggi umani