Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Bando per Chief Communications officer di SKA

Bando per Chief Communications officer di SKA

La SKA Organisation ha aperto un bando per la posizione di Chief Communications Officer relativa al radiotelescopio Square Kilometre Array. Termine presentazione domande: 8 giugno 2012.

La SKA Organisation ha aperto un bando per la posizione di Chief Communications Officer relativa al radiotelescopio Square Kilometre Array.

Per eventuali chiarimenti è possibile contattare Colin Greenwood, Responsabile di Amministrazione della SKA Organisation, che ha sede presso il Jodrel Bank Centre for Astrophysics a Manchester, Regno Unito, via mail (greenwood@skatelescope.org) o al seguente numero di telefono: 0161 275 4063.

Le domande dovranno essere inviate solo per via telematica entro l'8 giugno 2012.

Il bando integrale (in inglese).

archiviato sotto:

Il caso degli assioni all’origine della materia oscura

08/07/2020

Alcuni ricercatori dello Ias, dell'Università del Michigan e della Uc Berkeley, che qualche mese fa avevano proposto l’assiogenesi primordiale, hanno ora avanzato un nuovo scenario noto come disallineamento cinetico che rafforza notevolmente la possibilità di un’equivalenza tra assioni e materia oscura. Tutti i dettagli su Physical Review Letters

Asimmetrie rivelatrici fra stelle di neutroni

08/07/2020

La fusione di due stelle di neutroni con massa significativamente diversa – come le due compagne del sistema binario Psr J1913+1102, il più asimmetrico a oggi noto – può essere accompagnata da fenomeni di distruzione mareale e da un’intensa emissione elettromagnetica. È quello che si è osservato per l’evento Gw 170817. Ne parla su Nature uno studio guidato dalla University of East Anglia

Viaggi interstellari: problemi linguistici all’orizzonte

08/07/2020

Fra i tanti ostacoli che si troveranno ad affrontare gli equipaggi di eventuali futuri viaggi interstellari, ce n’è anche uno di comunicazione. In un articolo pubblicato su Acta Futura due linguisti esplorano le conseguenze del cambiamento della lingua nel corso di lunghi viaggi intergenerazionali e suggeriscono soluzioni per limitarne l’impatto