Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Tre milioni di dollari ai “fotografi“ del buco nero

Tre milioni di dollari ai “fotografi“ del buco nero

Va all’intera collaborazione dell’Event Horizon Telescope il Breakthrough Prize 2020 per la Fisica fondamentale: nel team ci sono anche Elisabetta Liuzzo e Kazi Rygl dell’Istituto nazionale di astrofisica. «L’Inaf conferma ancora una volta le sue eccellenze a livello internazionale», sottolinea il presidente Nichi D’Amico
Tre milioni di dollari ai “fotografi“ del buco nero

Elisabetta Liuzzo (a sinistra) e Kazi Rygl

Il premio Breakthrough 2020 per la Fisica fondamentale è stato assegnato alla collaborazione dell’Event Horizon Telescope (Eht) “per la prima immagine di un buco nero supermassiccio grazie a una rete di telescopi su scala globale”. Nel team che verrà ufficialmente premiato il 3 novembre prossimo all’Ames Research Center della Nasa a Mountain View, in California, fanno parte le ricercatrici dell’Istituto nazionale di astrofisica (Inaf) Elisabetta Liuzzo e Kazi Rygl.

Per saperne di più, leggi la notizia completa su Media Inaf.

archiviato sotto: ,

Dicibile e indicibile sui viaggi nel tempo

20/09/2019

Sono previsti anche appuntamenti aperti al pubblico in occasione del convegno The Time Machine Factory 2019, che vede fra gli organizzatori l'Inaf e durante il quale si parlerà di curve temporali chiuse, ovvero tutto ciò che - pur non violando le leggi della fisica - può essere considerato "viaggio nel tempo", nonché delle possibili applicazioni alla metrologia relativistica e quantistica

Le storie parallele di Ryugu & Bennu

20/09/2019

Tra i protagonisti assoluti del congresso mondiale di scienze planetarie in corso a Ginevra abbiamo trovato Ryugu e Bennu, i due asteoridi visitati rispettivamente dalla sonda giapponese Hyabusa2 e da quella statunitense Osiris-Rex. Abbiamo intervistato alcuni degli scienziati e scienziate connazionali coinvolti nelle missione riguardo alle ultime novità presentate al congresso

L’impatto che aumentò la biodiversità

19/09/2019

Un grande asteroide viene frantumato fra Marte e Giove e, un paio di milioni di anni dopo, la vita sulla Terra fa un salto evolutivo strabiliante. Un nuovo studio di astrogeobiologia trova le connessioni tra eventi distanti ma avvenuti tutti più o meno mezzo miliardo di anni fa