Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Call interna per la individuazione di una unità di personale da distaccare con mansioni di referente scientifico presso il MAECI

Call interna per la individuazione di una unità di personale da distaccare con mansioni di referente scientifico presso il MAECI

E' stato pubblicato il bando per la individuazione di una unità di personale da distaccare con mansioni di referente scientifico presso il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI). Le espressioni di interesse dovranno essere inviate entro il 20 aprile 2017

E' stato pubblicato su questo sito il bando per la individuazione di una unità di personale da distaccare con mansioni di referente scientifico presso il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI).


Le espressioni di interesse per la posizione dovranno pervenire per posta elettronica all'indirizzo segreteria-DS@inaf.it entro e non oltre le ore 24.00 del 20 aprile 2017.
Per maggiori informazioni leggere il testo integrale del bando.

archiviato sotto: ,

Groenlandia: sotto i ghiacci un enorme cratere

15/11/2018

Il cratere misura più di 31 chilometri di diametro e per questo è stato collocato tra i 25 più grandi crateri da impatto sulla Terra. È rimasto sotto il ghiaccio per migliaia di anni

Passaggio in India: nuove opportunità per l’Inaf

15/11/2018

Al vertice di collaborazione scientifica e tecnologica fra i due paesi erano presenti anche il premier indiano, Narendra Modi, e il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che ha citato tra i progetti di grande rilevanza strategica per l’Italia Ska ed Elt. Il resoconto di Luca Valenziano, rappresentante della presidenza Inaf

Cosa è successo alla kilonova Gw170817?

15/11/2018

Che tipo di oggetto celeste è rimasto da quello che è stato il primo evento di fusione di due stelle di neutroni mai rilevato contemporaneamente, nelle onde gravitazionali e in quelle elettromagnetiche? La risposta prova a darla un articolo basato su una nuova analisi dei dati dell’interferometro Ligo