Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Conferenza APRE 2020: Commissione europea e comunità italiana R&I dialogano sul “nuovo” futuro

Conferenza APRE 2020: Commissione europea e comunità italiana R&I dialogano sul “nuovo” futuro

Confronti e formazione verso Horizon Europe dal 19 al 23 ottobre on line

La Conferenza Annuale APRE è uno degli eventi di riferimento per la comunità italiana Ricerca e Innovazione. Quest’anno la partecipazione è libera e aperta a tutti.

Cinque giorni on line per condividere conoscenza e discutere sul futuro che vogliamo costruire insieme. Dalla Commissione europea Jean-Eric Paquet Direttore generale DG Ricerca e Innovazione e i direttori: John Bell, Healthy Planet, Peter Droell, Prosperity, Jean-David Malo, Task Force EIC - European Innovation Council, Irene Norstedt,  People, Maria Cristina Russo, Cooperazione Internazionale, Lucilla Sioli, Intelligenza Artificiale e Industria Digitale (DG Connect).

TEMI DELLA CONFERENZA
Politiche, approcci e finanziamenti europei per l’ecosistema R&I: Green Deal, Cooperazione internazionale e sovranità tecnologica, Rinascimento digitale, Innovazione e Competitività del sistema industriale europeo e le sfide al centro del nuovo programma quadro ricerca e Innovazione Horizon Europe, tra i principali temi in agenda.

IL PROGRAMMA IN BREVE: CINQUE GIORNI, QUATTRO FORMAT

La Conferenza si apre il 19 ottobre: alle 16.30 l’intervento di Jean-Eric Paquet.

Dal 19 al 23 ottobre, ogni giorno appuntamento on line con le diverse sessioni: APREdialogue, APREmug, APREbrief, APREspace.


I rappresentanti della Commissione europea e delle istituzioni italiane si confrontano negli APREdialogue sui temi “caldi dell’agenda R&I.

Scopri gli APREdialogue in programma

Pensatori e attivisti dalle comunità di ricerca e innovazione si ritrovano negli APREmug con gli esperti APRE, per commentare e aprire nuove domande di lavoro.
Scopri gli APREmug in programma


Gli esperti APRE raccontano negli APREbrief le principali novità in arrivo con Horizon Europe Scopri gli APREbrief in programma


La rete dei soci APRE si incontra negli APREspace (workshop su invito)

UNA CONFERENZA APERTA A TUTTI Un appuntamento da non perdere per: ricercatori e università, industria e PMI, pubblica amministrazione e agenzie territoriali di sviluppo, comunità di innovatori e organizzazioni della società civile, chiunque sia interessato ai temi in programma.

Programma e registrazioni
www.aprecon2020.it
info
aprecon2020@apre.it

APRE - AGENZIA PER LA PROMOZIONE DELLA RICERCA EUROPEA

APRE – Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea, sostiene e promuove la partecipazione italiana ai programmi europei di Ricerca & Innovazione. Con i suoi 140 Soci, 14 sportelli regionali e un liaison office a Bruxelles, APRE costituisce un’associazione poliedrica dove i principali attori italiani di R&I si incontrano e si confrontano sui temi della ricerca europea.

 

La missione di APRE è coinvolgere pienamente gli attori italiani attivi in ricerca e innovazione nel panorama europeo e favorire la collaborazione tra gli stessi attori italiani e i protagonisti europei.

APRE ospita i Punti di Contatto Nazionale del programma quadro europeo per la ricerca e l’innovazione.

 

Quest’anno APRE compie 30 anni.

archiviato sotto: ,

Sulle tracce del carbonio, dell’azoto e dell’ossigeno

02/12/2022

Dopo l’idrogeno e l’elio, l’ossigeno, il carbonio e l’azoto sono gli elementi più abbondanti nell’universo, presenti in qualunque ambiente astrofisico, e alla base di tutte le forme di vita conosciute. Sappiamo che vengono sintetizzati nelle stelle, ma sui loro processi produttivi ed evolutivi ci sono ancora incertezze e lacune. Ospitiamo un editoriale sull’argomento di Donatella Romano (Inaf Bologna), che lo ha appena affrontato su The Astronomy and Astrophysics Review

Un impatto di Chicxulub su Marte

01/12/2022

La collisione di un piccolo asteroide di alcuni km di diametro caduto su Marte circa 3,4 miliardi di anni fa nell'oceano boreale avrebbe creato il mega tsunami responsabile della cancellazione delle strutture alluvionali che avrebbero dovuto trovarsi alla fine di Maja Valles dove, nel 1976, si è posato il lander della sonda Viking 1. Questo scenario, presentato oggi su Scientific Reports, risolverebbe un vecchio mistero marziano

Orione e le sue nubi

01/12/2022

Finalmente è giunto il momento della costellazione di Orione, alta nel cielo e ben riconoscibile in questo periodo. Con le sue stelle di diverso colore, Betelgeuse e Rigel, nebulose con stelle in formazione e resti di antiche supernove, racchiude un condensato di astrofisica