Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Consultazione pubblica sul Codice etico dell'INAF

Consultazione pubblica sul Codice etico dell'INAF

La procedura attiva da oggi e sino al 30 agosto

Si rende noto che, nella seduta del 23 luglio 2019, il Consiglio di Amministrazione ha adottato il Codice Etico dell'INAF.

Il documento, disponibile al seguente link di questo sito web istituzionale, sarà approvato in via definitiva nella prossima riunione del CdA previa sottoposizione agli stakeholders: http://www.inaf.it/it/amministrazione-trasparente/altri-contenuti/dati-ulteriori/codice-etico/codice-etico.

Pertanto, i destinatari del Codice Etico potranno far pervenire eventuali osservazioni e/o proposte di modifica del Codice entro il termine del 30 agosto ai seguenti indirizzi email:

cug@inaf.it

istanze-approvazione@inaf.it

archiviato sotto: ,

Pallade, una pallina da golf nella Fascia principale

21/02/2020

Recenti osservazioni condotte con lo strumento Sphere del Vlt hanno permesso di studiare a grande scala la superficie dell'asteroide Pallade e di iniziare a comprenderne l'evoluzione. Pallade risulta non meno interessante di Cerere e Vesta, e la sua evoluzione geologica è stata in gran parte condizionata dalla sua elevata inclinazione orbitale. I risultati su Nature Astronomy

A zonzo per Firenze con la guida astroturistica

21/02/2020

È da poco disponibile, dopo quella di Padova, la seconda guida turistica a tema astronomico della collana “Seconda stella a destra”, dedicata questa volta a Firenze. Un agile volumetto riccamente illustrato, e corredato di una mappa dedicata, per scoprire le bellezze della città da un punto di vista insolito, intrecciando con naturalezza arte, storia e scienza

L’ottica adattiva di Eris è in viaggio verso Monaco

20/02/2020

Il modulo italiano di ottica adattiva e calibrazione dello strumento Eris è partito oggi per la Germania, dove verrà integrato con i moduli forniti dagli altri partner del consorzio internazionale che ha sviluppato lo strumento e verrà installato al Very Large Telescope, in Cile, entro l’autunno