Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Coronavirus: è online il sito per supportare le imprese italiane della Big Science

Coronavirus: è online il sito per supportare le imprese italiane della Big Science

Un nuovo strumento telematico per rispondere alle esigenze di PMI e industrie del settore Big Science, in questa fase di crisi causata dalla pandemia di Coronavirus

Un nuovo strumento telematico per rispondere alle esigenze di PMI e industrie del settore Big Science, in questa fase di crisi causata dalla pandemia di Coronavirus.

E’ l’obiettivo del nuovo sito realizzato da INI – ILO Network Italia, la rete degli Industrial Liaison Officers (ILO), esperti rappresentanti dei maggiori enti di ricerca italiani quali CNR, ENEA, INAF e INFN che svolgono un ruolo di collegamento fra le aziende italiane, considerate un’eccellenza a livello mondiale nel comparto, e le grandi infrastrutture di ricerca CERN, ESO, ESRF, ESS, F4E/ITER.

“L’emergenza che stiamo vivendo sta dimostrando la centralità della ricerca scientifica nella società contemporanea”, dice Corrado Perna, ILO per l’Italia presso ESO e SKA e coordinatore per il 2020 di ILO Network Italia. “In particolare, per l’impatto degli investimenti in grandi infrastrutture di ricerca internazionali può rappresentare uno dei volani di rilancio dell’industria italiana sui mercati esteri dopo le criticità che le nostre aziende sono state costrette ad affrontare per effetto delle misure di contenimento della pandemia COVID-19.”

Grazie al nuovo strumento, il primo in Europa nel settore, le imprese potranno segnalare direttamente a INI e agli ILO di competenza eventuali problematiche riscontrate nelle attività o difficoltà legate alle misure messe in atto nei centri per contrastare l'epidemia; ma anche accedere agli aggiornamenti sulle misure riguardanti l’emergenza Covid-19 e alle informazioni sulla riapertura dei laboratori dalle maggiori infrastrutture di ricerca internazionali.

Soluzioni che si affiancano alle attività ordinarie degli ILO tese a supportare le aziende italiane nella partecipazione a gare ed opportunità, in un mercato che nei prossimi 5 anni si prevede raggiunga 10 miliardi di Euro (fonte BSBF-2018): tra gli strumenti promossi anche seminari periodici, meeting, materiale informativo, oltre a newsletter, database, mailing list e comunicazioni di servizio al mondo produttivo italiano per facilitare l’incontro tra domanda e offerta di innovazione e valorizzare in chiave economica i risultati della ricerca.

 

Per maggiori informazioni:

ILO Network Italia, www.ilonetwork.it

archiviato sotto: ,

A caccia di materia oscura con due orologi

07/12/2022

Mentre l’accuratezza e la portabilità degli orologi atomici continuano a migliorare, tre scienziati hanno pensato di inviare due di questi orologi di precisione nelle zone più interne del Sistema solare, alla ricerca di materia oscura ultraleggera che ha proprietà ondulatorie che potrebbero influenzarne il funzionamento, e in particolare la differenza nel ticchettio degli stessi

Lungo ma con kilonova: è l’ornitorinco dei Grb

07/12/2022

Spariglia tutti i modelli, il lampo gamma targato Grb 211211A. È durato oltre un minuto, come i Grb che s’accompagnano alle supernove, ma là dove ha avuto origine c’è qualcosa che costringe a rimettere mano a molte teorie: una kilonova. «Nonostante i nomi simili, non potrebbero essere più diverse», dice a Media Inaf Eleonora Troja dell’’Università di Roma Tor Vergata, prima autrice di un articolo pubblicato oggi su Nature che riporta la scoperta

Sorprendenti lampi gamma ad alta energia

07/12/2022

La scoperta è stata realizzata dai ricercatori del Gssi osservando una lunga emissione di raggi gamma ad alta energia prodotta dallo scontro di due astri particolarmente densi che, ruotando uno attorno all’altro e fondendosi, inducono perturbazioni dello spazio-tempo e giganti flussi di materia ed energia. Si tratta di un’inattesa scoperta che apre nuove affascinanti prospettive nell’astronomia multi-messaggera