Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Firmato il Construction Agreement dello spettrografo CUBES

Firmato il Construction Agreement dello spettrografo CUBES

Passa alla fase operativa il progetto CUBES (Cassegrain U-Band Efficient Spectrograph), uno spettrografo innovativo per la banda ultravioletta da installare sul Very Large Telescope presso l’osservatorio di Paranal dell’ESO, in Cile

Passa alla fase operativa il progetto CUBES (Cassegrain U-Band Efficient Spectrograph), uno spettrografo innovativo per la banda ultravioletta da installare sul Very Large Telescope (VLT) presso l’osservatorio di Paranal dell’ESO, European Southern Observatory in Cile.

Il progetto CUBES è portato avanti da un consorzio di istituti di cinque paesi guidato dall’INAF insieme a Brasile, Germania, Gran Bretagna e Polonia.

Il 15 febbraio 2022, il Presidente dell’INAF Marco Tavani e il Direttore Generale dell'ESO Xavier Barcons hanno firmato il Construction Agreement di CUBES. Dopo una fase preparatoria di studio durata circa un anno (la cosiddetta fase A), inizia finalmente la fase operativa (detta anche fase B) che prevede lo sviluppo del design dello strumento, la sua costruzione e l'installazione al VLT.

“Si tratta della prima volta che uno strumento per il Very Large Telescope è progettato da un consorzio a guida italiana”, commenta Marco Tavani, Presidente INAF. “Questa tappa importante testimonia il ruolo di leadership della comunità astronomica italiana sul panorama scientifico internazionale.”

I telescopi moderni sono macchine di notevole complessità che per essere utilizzati al meglio richiedono strumenti altrettanto avanzati. La progettazione e costruzione di nuovi strumenti astronomici rappresenta uno sforzo primario per la comunità scientifica che vede in questo una sintesi ambiziosa tra obiettivi scientifici e opportunità ingegneristiche.

A testimonianza di questo sforzo continuo, i telescopi più avanzati al mondo, come il VLT, durante la loro “vita”, vedono lo sviluppo di diverse generazioni di strumenti. In questo scenario si innesta il progetto CUBES, uno strumento innovativo dedicato alle osservazioni del cielo nella porzione ultravioletta dello spettro elettromagnetico, tra 300 e 400 nanometri.

Gli astronomi infatti osservano il cosmo, con varie tecnologie, da Terra e dallo spazio, in tutto lo spettro elettromagnetico, ma anche tramite le onde gravitazionali e attraverso la rivelazione di neutrini.

“La banda ultravioletta è fortemente assorbita dalla nostra atmosfera”, aggiunge Stefano Cristiani, investigatore principale (PI) di CUBES, “ma contiene informazioni ineguagliabili su elementi chimici chiave, come il berillio, per comprendere l’evoluzione delle stelle, l’esplosione di oggetti massicci, tra cui le controparti ottiche di sorgenti di onde gravitazionali e anche aspetti base di cosmologia e fisica fondamentale”.

Costruire uno strumento efficiente in una banda osservativa così complessa richiede “uno sforzo di progettazione e di ottimizzazione molto complesso”, conclude Roberto Cirami, project manager di CUBES.

archiviato sotto: ,

Vanitosa è la Luna che gioca col Sole

30/09/2022

Beniamina indiscussa del cielo di ottobre 2022 è sicuramente la Luna. Si mostrerà bella come sempre, in posa per essere osservata e fotografata il primo di ottobre per la Notte internazionale dell’osservazione della Luna, un’occasione per sentirsi parte di una vasta comunità di amanti del nostro satellite. Ma la Luna mostrerà la sua vanità soprattutto il 25 ottobre: in questa data ci sarà in fatti un’eclissi parziale di Sole visibile da tutto il territorio italiano

Cartografia chimica nel disco della Via Lattea

30/09/2022

La struttura a spirale che caratterizza la nostra galassia, la Via Lattea, lascia un'impronta nella chimica delle stelle. A scoprirla un team di astronomi guidato da Eloisa Poggio, ricercatrice all'Observatoire de la Côte d’Azur di Nizza e associata Inaf, che con i più recenti dati del satellite Esa Gaia ha costruito la mappa delle abbondanze chimiche delle stelle entro un raggio di 13mila anni luce dal Sole

Fotosintesi su mondi alieni alla luce d’un simulatore

30/09/2022

All’Europlanet Science Congress è stato presentato un ingegnoso esperimento, nato dalla collaborazione tra il Dipartimento di biologia e l’Inaf di Padova, che ha permesso di dimostrare come i cianobatteri e altri microrganismi possano crescere su pianeti rocciosi orbitanti intorno alle nane rosse, le stelle più abbondanti nella nostra galassia