Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF CUBES, lo strumento con la vista ultravioletta

CUBES, lo strumento con la vista ultravioletta

Firmato l'accordo tra ESO ed INAF per lo studio che dovrebbe portare alla realizzazione di CUBES, uno spettrografo di nuova generazione per il Very Large Telescope dell'ESO in Cile

Nella vita di tutti i giorni, per capire come è fatto qualcosa o qualcuno è fondamentale avere la visione più ampia possibile. Nel caso dell'Universo, poter osservare alle lunghezze d'onda ultraviolette, invisibili per l'occhio umano, permette di aprire una finestra su uno spettacolo interessantissimo. Si possono trovare indizi e tracce di elementi come il berillio e l'uranio, determinanti per capire il funzionamento delle stelle e i fenomeni avvenuti nei primi minuti dopo il Big Bang. Si può studiare la sintesi degli elementi pesanti nelle esplosioni osservate anche per mezzo delle onde gravitazionali, si può cercare acqua nel sistema solare, andare a caccia dei fotoni energetici che hanno dissipato la nebbia di idrogeno neutro che rendeva opaco l'universo lontano.

Costruire strumenti che possano vedere a queste lunghezze d'onda però è molto complesso perché occorre utilizzare specchi capaci di riflettere la luce ultravioletta e lenti altrettanto trasparenti. Per offrire complementarietà ai grandi telescopi di cui dispone la comunità scientifica, si progettano quindi strumentazioni specifiche. Di recente, si è costituito un consorzio con la leadership dell'INAF che comprende istituti di Australia, Brasile, Germania, Gran Bretagna e Polonia, per costruire CUBES, il Cassegrain U-Band Efficient Spectrograph, da mettere al telescopio ESO VLT di Paranal,  in Cile.

Pochi giorni fa è stato firmato l'accordo tra ESO ed INAF per lo studio che dovrebbe portare alla realizzazione di CUBES nel giro di 5 anni.

“L’INAF ha una consolidata e apprezzata tradizione nello sviluppo di strumentazione innovativa per i telescopi dell’ESO in  Cile”, afferma il Presidente dell’INAF Nichi D’Amico, e prosegue “nel caso specifico, si tratta di strumentazione che apre nuovi orizzonti in una finestra dello spettro elettromagnetico densa di informazioni su tanti fronti dell’astrofisica moderna, ed è per noi oggetto di soddisfazione entrare nel Consorzio CUBES”

“Una tappa del genere è sempre emozionante”, commenta Stefano Cristiani, investigatore principale di CUBES “È come l'inizio di un lungo viaggio alla scoperta di nuovi continenti, pieno di aspettative e trepidazione, perché si sa che per arrivare alle scoperte bisognerà passare per grandi sfide e difficoltà, sia tecnologiche che organizzative. Abbiamo appena terminato la costruzione di ESPRESSO, che da poco ha iniziato a produrre risultati scientifici a pieno ritmo, ma, come Ulisse tornato a Itaca, non è stato possibile resistere alla tentazione di riprendere il mare per divenir del mondo esperti, sempre ovviamente seguendo virtute e canoscenza”.

“CUBES permetterà lo studio dell'Universo, vicino e lontano, in una regione spettrale ancora non sufficientemente esplorata, ma cruciale per l'indagine di un'ampia varietà di tematiche astrofisiche attuali” ribadische Sofia Randich, coordinatrice scientifica INAF per CUBES. “Molti ricercatori INAF sono coinvolti nello sviluppo dettagliato dei 'casi scientifici' per CUBES, e saranno pronti a sfruttare con entusiasmo le grandi potenzialità di questo strumento”.

 

archiviato sotto: ,

Molto giovane, incredibilmente ordinata

12/08/2020

Trovare una galassia così “composta“ a 12 miliardi di anni luce da noi è stata una grande sorpresa. Visto da Alma grazie a una lente gravitazionale, il suo è il disco galattico più ordinato mai osservato nell’universo primordiale. A firmare l’articolo, uscito oggi su Nature, un team guidato da una dottoranda del Max Planck originaria del Salento, Francesca Rizzo

Tess, missione principale conclusa

12/08/2020

Il 4 luglio scorso il cacciatore di pianeti della Nasa, Tess, ha terminato con successo la sua missione principale durata due anni, durante la quale ha osservato circa il 75 per cento del cielo stellato. Nel catturare questo gigantesco mosaico, Tess ha trovato 66 nuovi esopianeti e quasi 2100 candidati in attesa di conferma. Ora inizia la missione estesa, nella quale l’acquisizione delle immagini sarà tre volte più veloce

Un altro duro colpo per Arecibo

12/08/2020

L’osservatorio di Arecibo è stato danneggiato dalla rottura di uno dei cavi metallici di supporto che sostengono le strutture metalliche poste sopra la grande antenna, causando ingenti danni. L’incidente è avvenuto lunedì 10 agosto nelle prime ora della mattina