Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF CUBES, lo strumento con la vista ultravioletta

CUBES, lo strumento con la vista ultravioletta

Firmato l'accordo tra ESO ed INAF per lo studio che dovrebbe portare alla realizzazione di CUBES, uno spettrografo di nuova generazione per il Very Large Telescope dell'ESO in Cile

Nella vita di tutti i giorni, per capire come è fatto qualcosa o qualcuno è fondamentale avere la visione più ampia possibile. Nel caso dell'Universo, poter osservare alle lunghezze d'onda ultraviolette, invisibili per l'occhio umano, permette di aprire una finestra su uno spettacolo interessantissimo. Si possono trovare indizi e tracce di elementi come il berillio e l'uranio, determinanti per capire il funzionamento delle stelle e i fenomeni avvenuti nei primi minuti dopo il Big Bang. Si può studiare la sintesi degli elementi pesanti nelle esplosioni osservate anche per mezzo delle onde gravitazionali, si può cercare acqua nel sistema solare, andare a caccia dei fotoni energetici che hanno dissipato la nebbia di idrogeno neutro che rendeva opaco l'universo lontano.

Costruire strumenti che possano vedere a queste lunghezze d'onda però è molto complesso perché occorre utilizzare specchi capaci di riflettere la luce ultravioletta e lenti altrettanto trasparenti. Per offrire complementarietà ai grandi telescopi di cui dispone la comunità scientifica, si progettano quindi strumentazioni specifiche. Di recente, si è costituito un consorzio con la leadership dell'INAF che comprende istituti di Australia, Brasile, Germania, Gran Bretagna e Polonia, per costruire CUBES, il Cassegrain U-Band Efficient Spectrograph, da mettere al telescopio ESO VLT di Paranal,  in Cile.

Pochi giorni fa è stato firmato l'accordo tra ESO ed INAF per lo studio che dovrebbe portare alla realizzazione di CUBES nel giro di 5 anni.

“L’INAF ha una consolidata e apprezzata tradizione nello sviluppo di strumentazione innovativa per i telescopi dell’ESO in  Cile”, afferma il Presidente dell’INAF Nichi D’Amico, e prosegue “nel caso specifico, si tratta di strumentazione che apre nuovi orizzonti in una finestra dello spettro elettromagnetico densa di informazioni su tanti fronti dell’astrofisica moderna, ed è per noi oggetto di soddisfazione entrare nel Consorzio CUBES”

“Una tappa del genere è sempre emozionante”, commenta Stefano Cristiani, investigatore principale di CUBES “È come l'inizio di un lungo viaggio alla scoperta di nuovi continenti, pieno di aspettative e trepidazione, perché si sa che per arrivare alle scoperte bisognerà passare per grandi sfide e difficoltà, sia tecnologiche che organizzative. Abbiamo appena terminato la costruzione di ESPRESSO, che da poco ha iniziato a produrre risultati scientifici a pieno ritmo, ma, come Ulisse tornato a Itaca, non è stato possibile resistere alla tentazione di riprendere il mare per divenir del mondo esperti, sempre ovviamente seguendo virtute e canoscenza”.

“CUBES permetterà lo studio dell'Universo, vicino e lontano, in una regione spettrale ancora non sufficientemente esplorata, ma cruciale per l'indagine di un'ampia varietà di tematiche astrofisiche attuali” ribadische Sofia Randich, coordinatrice scientifica INAF per CUBES. “Molti ricercatori INAF sono coinvolti nello sviluppo dettagliato dei 'casi scientifici' per CUBES, e saranno pronti a sfruttare con entusiasmo le grandi potenzialità di questo strumento”.

 

archiviato sotto: ,

La strana coppia da record

26/10/2020

Un gruppo di ricerca internazionale guidato dal Max Planck Institute for Gravitational Physics ha identificato una misteriosa sorgente di raggi gamma. Si tratta di un sistema binario da record: una pesante stella di neutroni con una compagna di massa molto bassa a solo 1.3 volte la distanza Terra-Luna, che le orbita attorno in 75 minuti, a una velocità di oltre 700 chilometri al secondo. Tutti i dettagli su ApJ Letters

L’ingrediente segreto dei potenti getti dei quasar

26/10/2020

Perché alcuni buchi neri supermassicci emettono getti di materia di grande potenza e altri no? Una possibile risposta arriva da uno studio condotto su oltre 700 quasar con Chandra, Xmm-Newton, Rosat, il Very Large Array e la Sloan Digital Sky Survey

Osiris-Rex, il raccolto è andato bene. Forse troppo

24/10/2020

Le prime immagini inviate a Terra mostrano una perdita di materiale dalla testa raccogli-campioni, che non si è chiusa in modo corretto. Segno che sicuramente polvere e rocce sono state raccolte, pare ben più dei 60 grammi indicati come obiettivo minimo. Ma una parte è già fuoriuscita, e la Nasa sta correndo ai ripari per mettere in salvo al più presto quel che resta del prezioso carico