Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF CUBES, lo strumento con la vista ultravioletta

CUBES, lo strumento con la vista ultravioletta

Firmato l'accordo tra ESO ed INAF per lo studio che dovrebbe portare alla realizzazione di CUBES, uno spettrografo di nuova generazione per il Very Large Telescope dell'ESO in Cile

Nella vita di tutti i giorni, per capire come è fatto qualcosa o qualcuno è fondamentale avere la visione più ampia possibile. Nel caso dell'Universo, poter osservare alle lunghezze d'onda ultraviolette, invisibili per l'occhio umano, permette di aprire una finestra su uno spettacolo interessantissimo. Si possono trovare indizi e tracce di elementi come il berillio e l'uranio, determinanti per capire il funzionamento delle stelle e i fenomeni avvenuti nei primi minuti dopo il Big Bang. Si può studiare la sintesi degli elementi pesanti nelle esplosioni osservate anche per mezzo delle onde gravitazionali, si può cercare acqua nel sistema solare, andare a caccia dei fotoni energetici che hanno dissipato la nebbia di idrogeno neutro che rendeva opaco l'universo lontano.

Costruire strumenti che possano vedere a queste lunghezze d'onda però è molto complesso perché occorre utilizzare specchi capaci di riflettere la luce ultravioletta e lenti altrettanto trasparenti. Per offrire complementarietà ai grandi telescopi di cui dispone la comunità scientifica, si progettano quindi strumentazioni specifiche. Di recente, si è costituito un consorzio con la leadership dell'INAF che comprende istituti di Australia, Brasile, Germania, Gran Bretagna e Polonia, per costruire CUBES, il Cassegrain U-Band Efficient Spectrograph, da mettere al telescopio ESO VLT di Paranal,  in Cile.

Pochi giorni fa è stato firmato l'accordo tra ESO ed INAF per lo studio che dovrebbe portare alla realizzazione di CUBES nel giro di 5 anni.

“L’INAF ha una consolidata e apprezzata tradizione nello sviluppo di strumentazione innovativa per i telescopi dell’ESO in  Cile”, afferma il Presidente dell’INAF Nichi D’Amico, e prosegue “nel caso specifico, si tratta di strumentazione che apre nuovi orizzonti in una finestra dello spettro elettromagnetico densa di informazioni su tanti fronti dell’astrofisica moderna, ed è per noi oggetto di soddisfazione entrare nel Consorzio CUBES”

“Una tappa del genere è sempre emozionante”, commenta Stefano Cristiani, investigatore principale di CUBES “È come l'inizio di un lungo viaggio alla scoperta di nuovi continenti, pieno di aspettative e trepidazione, perché si sa che per arrivare alle scoperte bisognerà passare per grandi sfide e difficoltà, sia tecnologiche che organizzative. Abbiamo appena terminato la costruzione di ESPRESSO, che da poco ha iniziato a produrre risultati scientifici a pieno ritmo, ma, come Ulisse tornato a Itaca, non è stato possibile resistere alla tentazione di riprendere il mare per divenir del mondo esperti, sempre ovviamente seguendo virtute e canoscenza”.

“CUBES permetterà lo studio dell'Universo, vicino e lontano, in una regione spettrale ancora non sufficientemente esplorata, ma cruciale per l'indagine di un'ampia varietà di tematiche astrofisiche attuali” ribadische Sofia Randich, coordinatrice scientifica INAF per CUBES. “Molti ricercatori INAF sono coinvolti nello sviluppo dettagliato dei 'casi scientifici' per CUBES, e saranno pronti a sfruttare con entusiasmo le grandi potenzialità di questo strumento”.

 

archiviato sotto: ,

A caccia di materia oscura con due orologi

07/12/2022

Mentre l’accuratezza e la portabilità degli orologi atomici continuano a migliorare, tre scienziati hanno pensato di inviare due di questi orologi di precisione nelle zone più interne del Sistema solare, alla ricerca di materia oscura ultraleggera che ha proprietà ondulatorie che potrebbero influenzarne il funzionamento, e in particolare la differenza nel ticchettio degli stessi

Lungo ma con kilonova: è l’ornitorinco dei Grb

07/12/2022

Spariglia tutti i modelli, il lampo gamma targato Grb 211211A. È durato oltre un minuto, come i Grb che s’accompagnano alle supernove, ma là dove ha avuto origine c’è qualcosa che costringe a rimettere mano a molte teorie: una kilonova. «Nonostante i nomi simili, non potrebbero essere più diverse», dice a Media Inaf Eleonora Troja dell’’Università di Roma Tor Vergata, prima autrice di un articolo pubblicato oggi su Nature che riporta la scoperta

Sorprendenti lampi gamma ad alta energia

07/12/2022

La scoperta è stata realizzata dai ricercatori del Gssi osservando una lunga emissione di raggi gamma ad alta energia prodotta dallo scontro di due astri particolarmente densi che, ruotando uno attorno all’altro e fondendosi, inducono perturbazioni dello spazio-tempo e giganti flussi di materia ed energia. Si tratta di un’inattesa scoperta che apre nuove affascinanti prospettive nell’astronomia multi-messaggera