Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Nominata la Commissione delle elezioni per la designazione di due componenti del CdA

Nominata la Commissione delle elezioni per la designazione di due componenti del CdA

Con Determina del Direttore Generale

Con propria determina del 7 ottobre 2019, numero 333, il Direttore Generale ha nominato la Commissione elettorale incaricata di sovrintendere e certificare la regolarità delle operazioni di voto e di scrutinio per la designazione dei due rappresentanti del personale nel Consiglio di Amministrazione, ai sensi dell'articolo 6, commi 5 e 6, dello Statuto dell'INAF.

Per maggiori informazioni e per tutti gli aggiornamenti, consultate la sezione "Elezioni CdA 2019" (Amministrazione trasparente/Altri contenuti/Dati ulteriori) di questo portale.

archiviato sotto: ,

Acqua sulla Luna alla luce del sole

26/10/2020

Il “telescopio volante” Sofia, installato a bordo di un Boeing 747, ha fornito la prima prova diretta e inequivocabile della presenza di molecole d’acqua sul nostro satellite anche al di fuori delle regioni in ombra permanente ai poli lunari. Lo studio è pubblicato su Nature Astronomy

Ancora acqua intrappolata sulla Luna

26/10/2020

Quarantamila chilometri quadrati di zone d’ombra sulla superficie della Luna potrebbero nascondere una riserva di ghiaccio d’acqua permanente grande il doppio rispetto a quanto stimato finora. Tutti i dettagli in uno studio appena pubblicato su Nature Astronomy.

Bennu: Neo-nato 1.75 milioni di anni fa

26/10/2020

Il tempo di vita di un asteroide è determinato dalla sua resistenza agli impatti con altri corpi minori. In uno studio pubblicato oggi su Nature, gli scienziati della missione spaziale Osiris-Rex hanno stimato direttamente – per la prima volta – la resistenza agli impatti di un asteroide, e di conseguenza l’età superficiale assoluta dei massi che lo costituiscono. Lo studio, che parte da un’analisi dettagliata delle dimensioni e della profondità dei crateri osservati sui massi dell'asteroide Bennu, indica che il corpo è a tutti gli effetti un Near Earth Object da circa 1,75 milioni di anni.