Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Elezioni rappresentanti del personale in CdA: certificazione liste elettorali

Elezioni rappresentanti del personale in CdA: certificazione liste elettorali

Con Determina del Direttore Generale sono state certificate le liste dell'elettorato attivo e passivo

Con Determina del Direttore Generale del 30 ottobre 2019, numero 354, sono stati certificati gli elenchi dell'elettorato attivo e dell'elettorato passivo per la designazione dei due rappresentanti del personale nel CdA dell'INAF, ai sensi dell'articolo 1, comma 2, lett. b), del Regolamento per la disciplina delle elezioni dei rappresentanti del personale in Consiglio di Amministrazione.

Per maggiori informazioni e per tutti gli aggiornamenti, consultate la sezione "Elezioni CdA 2019" (Amministrazione trasparente/Altri contenuti/Dati ulteriori) di questo portale.

archiviato sotto: ,

Anche la Nasa a bordo di Ariel

11/11/2019

Uno strumento dell’agenzia spaziale statunitense, costituito da due rivelatori per il vicino infrarosso, affiancherà lo spettrometro a infrarossi del telescopio spaziale Esa. Ce ne parlano Giuseppe Malaguti (Inaf Bologna) e Giusi Micela (Inaf Palermo), i due coordinatori nazionali della missione

Razzo Vega “atterra” a Milano

10/11/2019

Coloro che venerdì 8 novembre hanno partecipato all’inaugurazione hanno potuto ammirare la preparazione del lancio di un razzo, una visione di solito riservata agli addetti ai lavori. Articolo inizialmente pubblicato su Blog Italia dell'Agenzia giornalistica italiana, qui riproposto con il consenso dell’autrice, l’astrofisica Patrizia Caraveo

Galassia si fa in 12 sotto l’occhio di Hubble

08/11/2019

La chiamano Sunburst Arc – arco a raggiera – a causa della forma che i suoi fotoni, deviati da un effetto della Relatività generale di Einstein, assumono nel cielo. Si trova a 11 miliardi di anni luce da noi e sta contribuendo alla comprensione dei processi all’origine della reionizzazione cosmica