Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Elezioni rappresentanti del personale in CdA: certificazione liste elettorali

Elezioni rappresentanti del personale in CdA: certificazione liste elettorali

Con Determina del Direttore Generale sono state certificate le liste dell'elettorato attivo e passivo

Con Determina del Direttore Generale del 30 ottobre 2019, numero 354, sono stati certificati gli elenchi dell'elettorato attivo e dell'elettorato passivo per la designazione dei due rappresentanti del personale nel CdA dell'INAF, ai sensi dell'articolo 1, comma 2, lett. b), del Regolamento per la disciplina delle elezioni dei rappresentanti del personale in Consiglio di Amministrazione.

Per maggiori informazioni e per tutti gli aggiornamenti, consultate la sezione "Elezioni CdA 2019" (Amministrazione trasparente/Altri contenuti/Dati ulteriori) di questo portale.

archiviato sotto: ,

Costante di Hubble? La parola al vuoto cosmico

04/06/2020

In base a una ricerca condotta dall'Università di Portsmouth, i vuoti cosmici presenti nell’universo garantiscono test più precisi sull’energia oscura e l'espansione cosmica. Utilizzando i dati della Sloan Digital Sky Survey, i ricercatori hanno confermato un universo piatto e ottenuto una nuova misura della costante di Hubble. Tutti i dettagli su Physical Review Letters

La febbre di Fobos

04/06/2020

Un team di scienziati del Jet Propulsion Lab della Nasa, dell'Arizona State University e della Northern Arizona University ha processato alcune immagini termiche della superficie della luna marziana Fobos inviate a Terra dalla sonda Mars Odyssey della Nasa. L'analisi ha fornito nuove indicazioni sull'origine enigmatica di questo corpo celeste

L’Artusi dei buchi neri

04/06/2020

Su The Astrophysical Journal un modello per interpretare la “dieta” dei buchi neri sparsi nell’universo, fra qui e 13 miliardi di anni fa. Firmano lo studio l’italiano Fabio Pacucci e un collega del Center for Astrophysics della Harvard e Smithsonian, Black Hole Initiative. Come tutti i modelli, servirà da linea guida per interpretare le osservazioni future