Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF ESO: attività, sistema di procurement e opportunità di business per l'Industria italiana

ESO: attività, sistema di procurement e opportunità di business per l'Industria italiana

In programma il 18 marzo prossimo un webinar sui grandi progetti dell'ESO e le opportunità di business per le imprese italiane

ESO (European Southern Observatory): procedure di acquisto ed opportunità di business per le imprese italiane. Questo il tema del webinar, che si terrà il 18 marzo p.v. e che prenderà in esame anche i Progetti European Extremely Large TelescopeSquare Kilometre Array ObservatoryCherenkov Telescope Array Observatory. Con l’occasione saranno altresì presentate le attività della sede piemontese dell’INAF (Osservatorio Astrofisico di Torino).

 

Per maggiori informazioni sulla giornata di lavori e per iscriversi cliccare qui.

archiviato sotto: ,

Europa, persiste vapore nell’emisfero del mistero

18/10/2021

Un ambiente come Europa, a 780 milioni di chilometri dal Sole, potrebbe ospitare la vita? Nel tentativo di rispondere a questa domanda e di comprendere appieno la struttura atmosferica delle lune ghiacciate, si fanno avanti nuovi risultati pubblicati sulla rivista Geophysical Research Letters che confermano la presenza di vapore acqueo sulla luna di Giove e ne suggeriscono la persistenza ma, misteriosamente, soltanto in uno dei suoi emisferi

Buchi neri come vulcani, fanno pure “anelli di fumo“

18/10/2021

Bolle, anelli e filamenti di “fumo intergalattico”: osservate per la prima volta con grande dettaglio, queste spettacolari strutture di gas caldo tracciano l’attività ciclica dei buchi neri supermassivi indietro nel tempo fino a 200 milioni di anni fa e rivelano il loro grande impatto sull'evoluzione del mezzo intergalattico

Galassia grande mangia galassia piccola

18/10/2021

L’inesorabile legge di natura vale anche per le galassie satellite, che crescono “mangiando” galassie più piccole. Lo dimostra uno studio su Nature Astronomy, realizzato da ricercatori dell’Università di Bologna e dell’Istituto nazionale di astrofisica (Inaf), che ha individuato per la prima volta, all’interno della Grande Nube di Magellano, un ammasso stellare che ha avuto origine in una galassia diversa