Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF EST: Il Telescopio Solare Europeo

EST: Il Telescopio Solare Europeo

Giovedì 5 ottobre prossimo la sede dell'Accademia Nazionale dei Lincei ospiterà il primo evento europeo di presentazione del progetto EST, Il Telescopio Solare Europeo

Giovedì 5 ottobre prossimo, dalle ore 9:50, la prestigiosa sede dell'Accademia Nazionale dei Lincei (Palazzina dell'Auditorio – Via della Lungara 230) ospiterà il primo evento europeo di presentazione del progetto EST: Il Telescopio Solare Europeo. EST sarà il più grande telescopio europeo dedicato allo studio della nostra stella, il Sole. Il progetto, inserito nel 2016 nella road map di ESFRI, il Forum Strategico  Europeo per le Infrastrutture di Ricerca di importanza strategica, vede coinvolte 21 istituzioni scientifiche ed industriali, di 15 Paesi europei, inclusa l’Italia.

Il Sole è la stella nel cuore del nostro Sistema Solare. Senza la sua energia non ci sarebbe vita complessa sulla Terra e la sua influenza, che si estende ben oltre le orbite di Nettuno e Plutone, concorre a determinare il clima dei pianeti come la Terra e lo stato dello spazio interplanetario, con ripercussioni sui satelliti e sulle infrastrutture tecnologiche. Proprio per la rilevanza che la stella ha nella nostra vita quotidiana e nella comprensione dei fenomeni fisici che avvengono nell’universo, la comunità astrofisica solare europea ha deciso di dare vita al progetto EST, per la realizzazione del maggiore telescopio solare europeo, ed uno dei più grandi al mondo. Il telescopio, che permetterà di osservare il Sole con un dettaglio mai raggiunto fino ad oggi, verrà costruito nelle Isole Canarie (Spagna).

La giornata di presentazione di EST servirà ad inquadrare la partecipazione italiana al progetto sia dal  punto di vista scientifico che industriale, anche attraverso la presentazione di alcune PMI high-Tech coinvolte in EST e nei maggiori progetti per l’astrofisica. In particolare, l'evento vedrà la partecipazione della comunità scientifica italiana ed europea coinvolta nel progetto, di eccellenze italiane nel settore industriale per l'astrofisica, delle istituzioni e della stampa. La presentazione è organizzata con il supporto dell'Instituto de Astrofisica de Canarias (IAC) e delle istituzioni scientifiche italiane coinvolte in EST: l'Istituto Nazionale di Astrofisica – INAF, le Università della Calabria, Catania e Roma "Tor Vergata" ed le PMI coinvolte nel progetto: S.R.S. Engineering e A.D.S. International.

L'Accademia dei Lincei rappresenta il luogo ideale per ospitare il primo evento europeo di presentazione del telescopio EST in quanto per prima pubblicò, nel 1613, l'opera di Galileo Galilei “Istoria e dimostrazioni intorno alle macchie solari”, in cui l’astronomo dimostrò che le macchie si trovavano sulla superficie della nostra stella e non erano ombre di corpi tra la Terra ed il Sole proiettate sulla superficie solare. A poco più di 400 anni dalla pubblicazione di Galilei, l'Accademia ospiterà un evento che contribuirà significativamente alla realizzazione di una nuova rivoluzione scientifica e tecnologica per l'astrofisica solare europea.

Il progetto è stato promosso dalla comunità astrofisica solare europea raccolta in EAST (European Association for Solar Telescopes) formata da 15 stati membri in rappresentanza di circa 500 ricercatori europei. Per l’Italia, partecipano ad EAST l’INAF e le Università della Calabria, Catania e Roma Tor Vergata.

Il Comitato Scientifico dell'evento è composto da F. Berrilli, M. Collados, I. Ermolli, F. Lepreti, F. Zuccarello.

Il programma della Giornata

La locandina della Giornata

Per maggiori dettagli: www.est-east.eu


archiviato sotto: ,

Così brilla il cuore della Via Lattea

27/05/2020

Utilizzando le antenne di Alma, un team di astronomi ha rilevato brillamenti radio quasi periodici provenienti dal centro della nostra galassia. Secondo i ricercatori, a emetterli sarebbero bolle di materia in orbita nella regione più vicina all'orizzonte degli eventi di Sagittarius A*, il buco nero al centro della nostra galassia

Quel vedo non vedo della costellazione Starlink

26/05/2020

L'obiettivo delle ultime modifiche che SpaceX intende apportare ai futuri satelliti Starlink è di renderli invisibili a occhio nudo e ridurre al minimo il loro impatto sulla ricerca astronomica, garantendo che qualunque effetto essi possano avere non ostacoli la capacità degli scienziati di fare nuove scoperte. Ma cosa ne pensa la Commissione Inaf di esperti per la valutazione dell’impatto delle costellazioni di nano-satelliti circa le nuove misure proposte dall'azienda di Elon Musk? Sono soddifacenti? «Al momento onestamente no», dice a Media Inaf Adriano Fontana

Starlink all’ombra delle visiere parasole

26/05/2020

La costellazione di satelliti Starlink si propone di fornire connettività a banda larga in tutto il mondo, ma la sfida di SpaceX si sta dimostrando piuttosto invasiva per chi vorrebbe continuare a osservare un cielo libero da treni di puntini che lo attraversano. Molte sono le critiche sollevate, soprattutto nel campo della ricerca astrofisica, e l’azienda di Elon Musk sta lavorando con gli astronomi di tutto il mondo per comprendere meglio le specifiche delle osservazioni astronomiche e i cambiamenti tecnici che occorre apportare ai satelliti per ridurne la luminosità. In questo lungo approfondimento vediamo insieme le modifiche proposte che dovrebbero essere implementate già dal prossimo giugno