Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Eugenio Coccia eletto Rettore Del GSSI

Eugenio Coccia eletto Rettore Del GSSI

È stato eletto questa mattina il Rettore della nuova Scuola Universitaria Superiore “Gran Sasso Science Institute” (GSSI). È Eugenio Coccia, già direttore dei Laboratori Nazionali del Gran Sasso dell’INFN dal 2003 al 2009 e del GSSI, nonché attuale membro del CdA dell'INAF

È stato eletto questa mattina il Rettore della nuova Scuola Universitaria Superiore “Gran Sasso Science Institute” (GSSI). È Eugenio Coccia, già direttore dei Laboratori Nazionali del Gran Sasso dell’INFN dal 2003 al 2009 e del GSSI nel triennio sperimentale dell’Istituto, attivato all’Aquila nel 2013 dall’INFN.

Fisico sperimentale, professore ordinario all’Università di Roma “Tor Vergata” e attuale membro del Consiglio di Amministrazione dell'INAF, Coccia è conosciuto per la sua attività nella fisica astroparticellare e in particolare nella ricerca delle onde gravitazionali. È tra gli autori della loro recente scoperta e delle prime osservazioni dirette dei buchi neri.

Il neo-Rettore è stato eletto dal Senato Accademico Provvisorio del GSSI e inizierà il suo mandato dopo il decreto di nomina da parte del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

"Sono fiero della nomina di Eugenio Coccia", dice Nichi D'Amico, Presidente dell'INAF. "Coccia è uno scienziato  di spicco internazionale di cui apprezzo continuamente l'attenzione per le  dinamiche del nostro Istituto e la  grande autorevolezza nelle scelte  più complesse".

"Congratulazioni a Eugenio Coccia, che in questi anni di transizione ha svolto un grande lavoro per portare questa esperienza al meritato riconoscimento di Scuola Superiore", commenta Fernando Ferroni, Presidente dell’INFN. "È stata una bella avventura e come INFN siamo fieri del ruolo svolto. Buon lavoro al neo-Rettore".

archiviato sotto: ,

Tutta colpa delle condriti carbonacee

16/08/2019

Acqua in abbondanza, sostanze volatili e selenio. Secondo una ricerca guidata da geochimici dell'Università di Tubinga, è solo grazie agli asteroidi provenienti dal Sistema solare esterno, piovuti sul nostro pianeta fra 4.5 e 3.9 miliardi di anni fa, che possiamo dirci “vivi”. La Terra è un minestrone di ingredienti spaziali

Osservati otto lampi radio veloci pulsanti

14/08/2019

La collaborazione che gestisce il radiotelescopio canadese Chime ha annunciato la scoperta di ben 8 nuovi Frb (Fast Radio Burst) che si ripetono. Finora se ne conoscevano solo due con questa caratteristica, ritenuta fondamentale per svelarne la misteriosa origine

Il destino della colonia di tardigradi disidratati

14/08/2019

Cosa succederà se le migliaia di questi minuscoli invertebrati imbarcati sulla sonda israeliana Beresheet sopravviveranno allo schianto che ha segnato la fine della prima avventura lunare privata? «Per bene che vada, continueranno nel loro stato di metabolismo azzerato per un tempo che è difficile prevedere», risponde Patrizia Caraveo, autrice di questo articolo pubblicato su Blog Italia dell'Agenzia giornalistica italiana e che riproponiamo con il suo consenso