Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Francesco Paresce ci ha lasciati

Francesco Paresce ci ha lasciati

Il ricordo di Nicolò D'Amico

Con profonda tristezza apprendiamo della scomparsa di Francesco Paresce. Come molti di noi certamente ricordano, Francesco è stato membro del primo Consiglio di Amministrazione dell’INAF dopo il riordino del 2003, è stato per un certo tempo Astronomo Ordinario presso il nostro Osservatorio Astrofisico di Torino, ed è rimasto poi Associato all’INAF in questi anni, presso l’OAS-BO, a Bologna. Francesco, uno dei nipoti diretti di Guglielmo Marconi, la scienza l’aveva nel DNA, e infatti è stato un uomo di scienza di grande spessore.

Nato a Londra, e laureatosi a Roma, Francesco ha passato i primi anni della sua carriera negli Stati Uniti, in California, poi è stato responsabile scientifico per conto dell’ESA della Faint Object Camera su HST, in seguito è stato ad ESO nell’ambito del progetto del Very Large Telescope Interferometer (VLTI), per poi ritirarsi con la moglie Dialta in un posto magico sulle colline in provincia di Bologna, continuando a collaborare presso l’OAS-BO.

La sua carriera è costellata di successi, di lavori seminali, e di progetti che hanno segnato importanti tappe di missioni spaziali di prestigio. Chi lo ha conosciuto nel privato, ricorda un padre di famiglia, un marito, e negli ultimi anni un nonno, affettuoso, attento, e innamorato della sua famiglia. Francesco era dotato di una grande intelligenza, di una grande umanità, e aveva una visione moderna della vita ma radicata in valori antichi. A nome di tutto l’Istituto Nazionale di Astrofisica, voglio porgere un affettuoso abbraccio alla moglie Dialta, alle figlie e ai nipoti.

Nichi D’Amico

archiviato sotto: ,

Un buongiorno con l’asteroide

24/09/2020

All’alba di oggi, giovedì 24 settembre, l’asteroide 2020 SW è passato a circa 22mila km dalla superficie terrestre. Nessun rischio per la Terra, ma un’occasione unica per studiare da vicino un piccolo near-Earth

L’universo polveroso di Aspecs

24/09/2020

L’Hubble Ultra Deep Field è stato scansionato in 3D dal radiointerferometro Alma ottenendo la mappa completa dell’idrogeno molecolare, combustibile alla base dei processi di formazione stellare. Tra gli autori dello studio pubblicato oggi su The Astrophysical Journal anche Roberto Decarli dell’Inaf di Bologna

Fosfina su Venere? BepiColombo darà un’occhiata

23/09/2020

Durante il flyby a Venere del prossimo 15 ottobre, BepiColombo arriverà a una distanza di poco più di 10mila chilometri dal pianeta. Lo spettrometro Mertis opera in un intervallo di lunghezze d’onda entro cui ricadono alcune righe della fosfina. La sua sensibilità è al limite della possibilità di misura, ma è una coincidenza troppo importante per non tentare. Ne parliamo con Valeria Mangano, dell’Inaf Iaps di Roma