Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Francesco Paresce ci ha lasciati

Francesco Paresce ci ha lasciati

Il ricordo di Nicolò D'Amico

Con profonda tristezza apprendiamo della scomparsa di Francesco Paresce. Come molti di noi certamente ricordano, Francesco è stato membro del primo Consiglio di Amministrazione dell’INAF dopo il riordino del 2003, è stato per un certo tempo Astronomo Ordinario presso il nostro Osservatorio Astrofisico di Torino, ed è rimasto poi Associato all’INAF in questi anni, presso l’OAS-BO, a Bologna. Francesco, uno dei nipoti diretti di Guglielmo Marconi, la scienza l’aveva nel DNA, e infatti è stato un uomo di scienza di grande spessore.

Nato a Londra, e laureatosi a Roma, Francesco ha passato i primi anni della sua carriera negli Stati Uniti, in California, poi è stato responsabile scientifico per conto dell’ESA della Faint Object Camera su HST, in seguito è stato ad ESO nell’ambito del progetto del Very Large Telescope Interferometer (VLTI), per poi ritirarsi con la moglie Dialta in un posto magico sulle colline in provincia di Bologna, continuando a collaborare presso l’OAS-BO.

La sua carriera è costellata di successi, di lavori seminali, e di progetti che hanno segnato importanti tappe di missioni spaziali di prestigio. Chi lo ha conosciuto nel privato, ricorda un padre di famiglia, un marito, e negli ultimi anni un nonno, affettuoso, attento, e innamorato della sua famiglia. Francesco era dotato di una grande intelligenza, di una grande umanità, e aveva una visione moderna della vita ma radicata in valori antichi. A nome di tutto l’Istituto Nazionale di Astrofisica, voglio porgere un affettuoso abbraccio alla moglie Dialta, alle figlie e ai nipoti.

Nichi D’Amico

archiviato sotto: ,

Perseverance porterà 11 milioni di nomi su Marte

27/03/2020

Per ora l’agenda della missione non ha subito rallentamenti a causa della pandemia in corso. Il lancio è ancora previsto per questa estate. Come è già accaduto con InSight, la missione Mars 2020 dà molta importanza agli appassionati di Marte e porterà con sé 3 microchip con ben 10,9 milioni di nomi

Variabili cataclismiche come farfalle nello spazio

27/03/2020

Un nuovo studio basato su massicce simulazioni al computer supporta le previsioni di 35 anni fa sulle binarie cataclismiche, proponendo una teoria unificata per queste stelle e mostrando che le nove osservabili sono solo la punta dell'iceberg. Tutti i dettagli su Nature Astronomy

Fuga dal pianeta rovesciato

27/03/2020

In un recente studio pubblicato su Geophysical Research Letters i ricercatori hanno scoperto che, al momento del flyby del Voyager 2 avvenuto il 24 gennaio 1986, nella coda della magnetosfera di Urano c'era un plasmoide – formato in gran parte da idrogeno ionizzato – in fuga dal pianeta. Si tratta della prima rilevazione di un plasmoide nella magnetosfera di un gigante ghiacciato e rappresenta, per Urano, un importante meccanismo per la perdita dell'atmosfera