Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Francesco Paresce ci ha lasciati

Francesco Paresce ci ha lasciati

Il ricordo di Nicolò D'Amico

Con profonda tristezza apprendiamo della scomparsa di Francesco Paresce. Come molti di noi certamente ricordano, Francesco è stato membro del primo Consiglio di Amministrazione dell’INAF dopo il riordino del 2003, è stato per un certo tempo Astronomo Ordinario presso il nostro Osservatorio Astrofisico di Torino, ed è rimasto poi Associato all’INAF in questi anni, presso l’OAS-BO, a Bologna. Francesco, uno dei nipoti diretti di Guglielmo Marconi, la scienza l’aveva nel DNA, e infatti è stato un uomo di scienza di grande spessore.

Nato a Londra, e laureatosi a Roma, Francesco ha passato i primi anni della sua carriera negli Stati Uniti, in California, poi è stato responsabile scientifico per conto dell’ESA della Faint Object Camera su HST, in seguito è stato ad ESO nell’ambito del progetto del Very Large Telescope Interferometer (VLTI), per poi ritirarsi con la moglie Dialta in un posto magico sulle colline in provincia di Bologna, continuando a collaborare presso l’OAS-BO.

La sua carriera è costellata di successi, di lavori seminali, e di progetti che hanno segnato importanti tappe di missioni spaziali di prestigio. Chi lo ha conosciuto nel privato, ricorda un padre di famiglia, un marito, e negli ultimi anni un nonno, affettuoso, attento, e innamorato della sua famiglia. Francesco era dotato di una grande intelligenza, di una grande umanità, e aveva una visione moderna della vita ma radicata in valori antichi. A nome di tutto l’Istituto Nazionale di Astrofisica, voglio porgere un affettuoso abbraccio alla moglie Dialta, alle figlie e ai nipoti.

Nichi D’Amico

archiviato sotto: ,

Costante di Hubble? La parola al vuoto cosmico

04/06/2020

In base a una ricerca condotta dall'Università di Portsmouth, i vuoti cosmici presenti nell’universo garantiscono test più precisi sull’energia oscura e l'espansione cosmica. Utilizzando i dati della Sloan Digital Sky Survey, i ricercatori hanno confermato un universo piatto e ottenuto una nuova misura della costante di Hubble. Tutti i dettagli su Physical Review Letters

La febbre di Fobos

04/06/2020

Un team di scienziati del Jet Propulsion Lab della Nasa, dell'Arizona State University e della Northern Arizona University ha processato alcune immagini termiche della superficie della luna marziana Fobos inviate a Terra dalla sonda Mars Odyssey della Nasa. L'analisi ha fornito nuove indicazioni sull'origine enigmatica di questo corpo celeste

L’Artusi dei buchi neri

04/06/2020

Su The Astrophysical Journal un modello per interpretare la “dieta” dei buchi neri sparsi nell’universo, fra qui e 13 miliardi di anni fa. Firmano lo studio l’italiano Fabio Pacucci e un collega del Center for Astrophysics della Harvard e Smithsonian, Black Hole Initiative. Come tutti i modelli, servirà da linea guida per interpretare le osservazioni future